7.8 C
Milano
05. 12. 2021 15:14

L’immancabile sabato “No Green Pass”: per quanto ancora?

Più letti

Al dodicesimo sabato di delirio per le strade di Milano preme una domanda: per quanto tempo ancora la città deve farsi paralizzare da cortei non autorizzati e improvvisati come quelli che puntualmente vanno in scena da parte del cosiddetto “popolo No Green Pass”? Il quesito coinvolge le istituzioni, tutte. A partire dal Viminale per ricadere conseguentemente a cascata su Questura e Prefettura di Milano, nonché sul Comune.

Il paradosso di oggi (anzi, la beffa) è che la Digos che avrebbe accettato di far partire la manifestazione a condizione di conoscere il percorso. Invece, no. Il corteo, con gli anarchici in testa che non si fanno pregare due volte per mettere un po’ in crisi la città, ha sfondato i cordoni delle forze dell’ordine e si è messo in marcia lungo il centro andando un po’ a zig-zag a piacimento. Ci potranno rispondere (ovviamente) che a quel punto era meglio non intervenire per non creare ulteriori problemi o, peggio ancora, scontri e violenze.

Resta il fatto che Milano, faticosamente ripartita dopo un anno e mezzo di paralisi, non merita queste giornate che stanno diventando una preoccupante routine. Le tensioni e le violenze saranno la conseguenza di un atteggiamento inerme nei confronti dei “soliti noti” che – con loro sommo dispiacere – sono una sparuta minoranza della popolazione. Ora basta!

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...