7.9 C
Milano
15. 04. 2021 06:57

Credito, non ristori: ecco perché

La pandemia ci ha raccontato anche storie di coraggio imprenditoriale, come le tante start up aperte a Milano nel 2020: è arrivato il momento di sostenerle realmente?

Più letti

Bollettino regionale Covid: tasso di positività al 4,2%, intensive -6, ricoveri -138, decessi +85

I positivi al Covid-19 riscontrati nelle ultime 24 ore in Lombardia sono 2.153 con la percentuale tra tamponi eseguiti...

L’industria musicale: «Via libera al calcio? Una farsa»

«Se è possibile accedere in uno stadio con 16mila persone per il calcio deve essere possibile anche per un...

Il giorno del vaccino: cronaca di un’esperienza diretta

Non solo code chilometriche di anziani ammassati in fila, magari sotto la pioggia, per ricevere il vaccino contro il...

Il recentissimo Rapporto Lombardia del Sole 24 Ore ha messo in luce ancora una volta le ferite della crisi che si riflettono nei quartieri più periferici di Milano. Non è certo una novità scoprire come la pandemia abbia acuito le diseguaglianze sociali e la povertà educativa, mentre è sorprendente il dato che riguarda le nuove realtà imprenditoriali nate proprio in quest’ultimo.

In questo senso il recupero è stato netto, persino inatteso nella sua forza. L’analisi, infatti, spiega che il 2020 è stato l’anno record, con poco meno di mille nuove start-up registrate in Lombardia, pari ad una crescita del 31% rispetto all’anno precedente.

E il motore principale di questo processo è stato ancora una volta Milano, che con quasi due nuove start-up al giorno. Insomma, esistono aspetti positivi anche nell’ambito del quadro economico falcidiato dall’emergenza Covid. E’ giusto senz’altro esaltare ancora una volta la laboriosità e la creatività dei milanesi, ma non può passare sottotraccia che a fronte di start-up nascenti ci siano migliaia di imprese fallite o in galleggiamento precario.

Se non si proverà a guardare anche e soprattutto a queste realtà, si rischierà di scrivere un futuro senza anima, privo di tradizione e valori che hanno fatto grande Milano nel mondo. Non è più tempo di sostenere le aziende esistenti con fondi a pioggia. Il passo più coraggioso sarebbe quello di dare credito a tutti, a lungo, anzi lunghissimo termine (15-20 anni), per consentire a tutti di partecipare alla grande sfida della “rinascita”.

In breve

Maran: «Prorogare gratuità dell’occupazione del suolo pubblico per tutto il 2021»

«Ribadisco che è fondamentale che il Governo proroghi la gratuità dell'occupazione suolo pubblico per tutto il 2021 con i...