23.9 C
Milano
07. 05. 2021 19:27

Papà, c’è sempre da imparare

La festa del papà diventa un'occasione per ripensare all' "uomo pandemico": in casa e dedito alla cura dei figli. Un'esperienza che ci spinge sempre più verso la parità di genere?

Più letti

Se proprio vogliamo trovare un aspetto positivo in questo anno di pandemia, tra le sofferenze, la paura, il lockdown, il lavoro da casa obbligato, il dover restare chiusi in casa, c’è il fatto che noi papà abbiamo passato più tempo con i nostri figli.

Abbiamo avuto l’occasione di capire più cose su di noi, sull’essere papà, su quanto a volte diamo per scontate delle cose che invece non lo sono. Spesso si parla, non abbastanza purtroppo, del tema delle donne, di quanto siano state più colpite dalla crisi economica dovuta alla pandemia, di quanto sia per loro sempre più difficile conciliare didattica online e lavoro, gestione dei figli e impegni professionali.

Se vogliamo cambiare per davvero, se l’obiettivo condiviso è la parità, l’uguaglianza, bisogna cominciare a pensare nel concreto cosa serve fare. Innanzitutto, la parità salariale: finché le donne guadagneranno, a parità di lavoro, meno degli uomini, sarà impossibile per una famiglia poter fare scelte diverse.

Sarà sempre la donna, guadagnando meno, a stare a casa o a fare scelte lavorative che privilegino la famiglia. Non solo, ancora oggi, troppo spesso, quando parliamo di permessi e congedi parentali pensiamo sempre che questi debbano riguardare le mamme.

Invece dovrebbero essere rivolti ed estesi anche ai papà. Se questi congedi e permessi fossero stabiliti in modo più consistente anche per i papà ci sarebbero vantaggi per le mamme e in generale per le famiglie. Bisogna cambiare anche un po’ mentalità: la cura della famiglia e dei figli non è una prerogativa femminile, un carico solo sulle spalle delle mamme, ma può e deve essere condivisa più di quello che è oggi.

Bisogna fare un salto nel futuro, e molti papà hanno capito e stanno capendo quanto sia bello e importante prendersi più cura dei propri figli. Ci sono già cambiamenti in corso in questo senso: bisogna schiacciare sull’acceleratore. Potremmo scoprire una società migliore e più bella in cui vivere. Quindi, papà, auguri.

In breve

Milano, predicatrice senza mascherina in metro. Il personale Atm: «Non possiamo far nulla. Ha pagato il biglietto»

Sulla metro di Milano è stata avvistata più volte nell'ultimo periodo una donna anziana di origini asiatiche intenta a...