periferia di milano
periferia di milano

La periferia di Milano, ex grigia città del cemento, ora è sempre più verde. La notizia della settimana riguarda l’approvazione da parte del Consiglio Comunale di un emendamento, presentato dal M5S, che parla di forestazione urbana per piazza d’Armi.

Per questo primo ma importante passo – e per la tutela dello spazio -, si stanno battendo da tempo numerosi cittadini e associazioni. Altri cittadini stanno definendo con il Municipio 6 la riqualificazione di via Gola, che avrà aiuole e alberi, mentre al Municipio 3 una delle gallerie più importanti d’Italia ha scelto di adottare una porzione di parterre alberato (oggi adibito a parcheggio abusivo) davanti alla sua nuova sede. C’è ancora tantissimo da fare per cambiare l’immagine della città, ma i milanesi non stanno certo a guardare.

Municipio 1
Ripristinare la fermata del tram
Voto 5,5
Dopo tre anni abbondanti, sono ancora nella loro collocazione provvisoria le fermate del 16 e del 19 in corso Magenta, direzione periferia, spostate in occasione dei lavori di riqualificazione dell’adiacente via San Nicolao. L’ubicazione attuale non permette l’interscambio tra le due linee e lascia scoperti il Litta, l’Archeologico e la Cattolica. Il nodo è la banchina: sarebbe obbligatoria, ma c’è poco spazio. Entro inizio febbraio è prevista una riunione tra gli uffici comunali e il Municipio 1.

Municipio 2
Progetto Mobì non finisce qui
Voto 8
Vi ricordate di Progetto Mobì? All’ultimo Bilancio Partecipativo si piazzò al secondo posto. Il progetto prevedeva la realizzazione di un percorso ciclopedonale per favorire la mobilità dolce nel cuore di NoLo, collegare scuole e parchi e garantire sicurezza a bambini e anziani. E c’è una novità: l’assessorato alla Mobilità ha contattato i promotori al fine di avviare una sperimentazione in via Rovereto/Trotter/Giacosa insieme ai Genitori Antismog.

Municipio 3
I cittadini che curano il verde
Voto 7,5
Dopo l’incontro tenutosi a dicembre per parlare degli strumenti a disposizione dei cittadini per collaborare alla cura del verde, arrivano i primi risultati concreti: la Galleria Massimo De Carlo, in concomitanza della ristrutturazione della sua nuova sede nella Casa Corbellini Wassermann progettata da Portaluppi nel 1934, ha deciso di adottare il tratto di parterre alberato prospiciente in viale Lombardia e di realizzare e curare un’aiuola con ortensie e camelie al posto delle automobili abusivamente parcheggiate.

Municipio 4
I motociclisti in corso Lodi
Voto 4,5
Decine di scooter e motocicli percorrono il marciapiede di corso Lodi dal civico 65 fino a piazzale Lodi per evitare il traffico, in particolare nei giorni in cui il traffico è più intenso, con ovvi e conseguenti pericoli per i pedoni: la segnalazione arriva da numerosi cittadini sulla pagina ufficiale del Comune. Stessa sorte tocca alla pista ciclabile protetta al centro che taglia in due la carreggiata. In attesa di un grave incidente che costringa vigili e Comune a correre ai ripari, per ora si fa così.

Municipio 5
Viale Sabotino è senza controllo
Voto 5,5
Una residente, sempre sulla pagina ufficiale del Comune, segnala un viale Sabotino sempre più degradato. «Strade e marciapiedi sporchi, cestini sempre pieni, aiuole con spazzatura. Come e a chi chiedere che gli interventi di pulizia vengano gestiti in maniera più idonea, se non a voi? Probabilmente gli interventi previsti non bastano. Non so come si possa fare, ma di sicuro qualcosa non funziona». Non è facile, ma con la collaborazione di tutti (cittadini compresi) si può fare molto.

Municipio 6
Cambiare in via Gola
Voto 7
Via Gola cambia volto. Finalmente. Dopo tanti annunci, ci siamo: con una nuova pavimentazione, spazi per i pedoni, giochi, aiuole, alberi e spazi commerciali all’aperto la strada, nota ai più per lo spaccio, si presenterà in una veste completamente rinnovata. A disposizione 300mila euro derivanti dagli oneri di un progetto edilizio in Solari e altri 300mila provenienti dal Bilancio Partecipativo comunale. Il progetto è ancora in fase di stesura, ma le premesse per un buon intervento ci sono tutte.

Municipio 7
Il futuro di Piazza d’Armi
Voto 6,5
Il Consiglio Comunale ha approvato nelle scorse ore un emendamento M5S che parla esplicitamente di forestazione urbana per piazza d’Armi, periferia ovest di Milano. L’area, da anni abbandonata e di proprietà del Demanio che ha dato incarico a Invimit di valorizzarla, è nel frattempo diventata un’area verde naturale. Molti cittadini e associazioni si stanno battendo per preservare questo luogo: l’emendamento approvato è un primo passo importante in tal senso.

Municipio 8
Via Bolla attende ancora
Voto 5
Un ordine del giorno presentato dall’ex assessore alla Sicurezza Carmela Rozza impegnava il presidente regionale Attilio Fontana ad intervenire per l’abbattimento e la ricostruzione degli stabili di via Bolla 38, 40 e 42. Non solo: era stato anche chiesto di concordare con prefettura, Comune e Aler interventi di sgombero degli immobili. Ma l’assessore regionale Bolognini ha annunciato nelle scorse ore lo slittamento dell’investimento. Eppure il Comune ha bisogno della Regione.

Municipio 9
La sorpresa in viale Jenner
Voto 7,5
Viale Jenner, nel Quattrocento, era un bosco di ruscelli: un luogo idilliaco, con casini di caccia e lussuose residenze. Una sola di queste è sopravvissuta (ma stravolta negli anni) fino a oggi: grazie al caparbio lavoro di Claudio Salsi, soprintendente del Castello Sforzesco, alcune croste di affreschi rinvenute sui muri esterni sono state ricondotte ai tempi dei Visconti e degli Sforza. Gli studi verranno raccontati in una visita guidata fissata per il 1º marzo, in occasione di MuseoCity.


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/