15.8 C
Milano
06. 05. 2021 12:27

Il comitato “A Scuola” in piazza: «La Dad penalizza le donne»

Il comitato "A Scuola" torna a manifestare per dire "no" alla DAD

Più letti

«Caro Presidente Mario Draghi, come donne, madri e lavoratrici avevamo riposto fiducia in Lei e nel cambiamento che il suo governo pareva prospettare per noi e per i nostri figli dopo un anno devastato dalla pandemia e delle evidenti difficoltà delle istituzioni italiane di gestirla». Comincia così la lettera che il comitato A Scuola! ha inviato oggi al presidente del Consiglio, prima di tornare a farsi sentire alle 13.00 in piazza della Scala, dove dallo scorso autunno, fino alla riapertura delle scuole a gennaio, aveva organizzato un presidio quotidiano.

La lettera prosegue: «Invece, a distanza di un anno il suo governo ha introdotto misure ancora più restrittive del precedente nei confronti delle scuole (…) Ci sentiamo tradite ancora una volta dalle istituzioni, che scaricano su di noi le conseguenze di disorganizzazione e inefficienza, rimandando a un domani lontano l’individuazione di coraggiose soluzioni alternative».

A differenza delle altre volte, oggi al presidio davanti a Palazzo Marino erano presenti, oltre che i genitori del comitato, anche bambini e ragazzi rimasti a casa in Dad, che hanno partecipato portando palloncini bianchi a forma di cuore e urlato insieme ai loro genitori gli slogan “Scuola in presenza!”, “Senza scuola non c’è futuro!”.

In breve

Milano, voglia di prima casa: il Recovery spinge i mutui

Non c’è ancora l’effetto “rimbalzo” dopo le dichiarazioni di Mario Draghi relative alle misure a sostegno dei giovani che...