29.5 C
Milano
21. 07. 2024 21:31

Cambiamenti climatici e cura del verde: la lezione davanti a tutta questa devastazione

Oggi Milano, la grande Milano, è sembrata un campo di battaglia con alberi caduti come birilli

Più letti

Certo la tempesta che ha colpito Milano è stata terribile, ma non è arrivata all’improvviso. Il Nord avrà avuto anche la sfortuna di trovarsi al confine tra correnti calde e fredde che causa un groppo di vento, una cascata di aria fredda che arrivando a terra si espande a raggera coinvolgendo tutto quello che trova fino ad arrivare ad una forza di 100km orari, eppure.

Cambiamenti climatici e cura del verde: perchè sono collegati

Eppure sono anni che si dibatte di cambiamenti climatici e di forti piogge tanto che nei condomini si sono già fatti numerosi interventi per aumentare la capacità di raccolta delle acque piovane di gronde e tubature. Eppure. Eppure oggi Milano, la grande Milano, è sembrata un campo di battaglia con alberi caduti come birilli.

E allora ci siamo interrogati sul perché chiedendo ad esperti del verde. E lì l’amara sorpresa che induce ad uno spunto di riflessione perché abbiamo scoperto che sono anni che gli agronomi invano suggeriscono di migliorare la cura del verde, soprattutto di quello pubblico.

Il loro timore nasce dalle conseguenze dei lavori stradali perché modificano la resistenza degli alberi indebolendo le radici, a volte addirittura tranciandole. Quando infatti intervengono togliendo tutto l’apparato radicale tolgono tutto ciò che aiuta la resistenza della pianta alle spinte del vento.

Certo la pianta vive perché ha l’altra parte, l’apparato verticale intatto, e ad un occhio inesperto appare in piena salute, ma la parte dove è stato scavato viene eliminata e quindi l’albero con queste forti raffiche cede nel punto, sul lato dove le radici sono state tagliate o comunque rese deboli dall’asfalto e dal calpestio.

Cambiamenti climatici

Ecco perchè si sarebbe dovuto procedere ad una diversa modalità delle potature proprio perché il clima è cambiato e davanti alle forti raffiche di vento che ormai sono diventate la nuova normalità bisognerebbe tagliare le piante facendo prevenzione con potature che mettano in sicurezza il verde. E la salute pubblica.

Come tante cassandre gli appelli degli agronomi sono stati invece ignorati e nella città che vorrebbe appuntarsi la spilla di metropoli più green d’Italia oggi decine di alberi sono da buttare.

Forse però una lezione davanti a tutta questa devastazione c’è: finalmente ci renderemo conto che prima di piantare nuovi alberi o “forestare” Milano, sarebbe opportuno fare una manutenzione adeguata ad alberi che ormai hanno più di cinquant’anni.

E oltre a questo, riflettere sulle politiche urbanistiche degli ultimi anni tese solo a cementificare il nostro territorio con il risultato di aumentare l’effetto di isola di calore della nostra città.

I cambiamenti climatici li conosciamo ormai da quasi un decennio eppure, come scriveva l’antropologo francese Marc Augé, morto ieri, siamo sempre concentrati sul presente e non riusciamo a vedere il futuro.

In breve

Il Municipio 1 vince il FantaMunicipio 2024, il presidente Abdu: «Tuteliamo le identità dei singoli quartieri»

Il FantaMunicipio di Mi-Tomorrow di quest’anno ha visto trionfare il Municipio 1 guidato dal 2021 dal presidente Mattia Abdu...