31.4 C
Milano
02. 07. 2022 15:49

Pronti per il voto: tutto quello che c’è da sapere sulle prossime Comunali a Milano

Poche ore prima dell'apertura dei seggi: ecco un vademecum sulle imminenti elezioni comunali a Milano

Più letti

È una data insolita per votare, di solito per le comunali l’appuntamento è tra maggio e giugno. Stavolta, complice il Covid, si arriva in autunno: sono circa un milione i milanesi chiamati alle urne per domenica 3 ( dalle 7 alle 23) e lunedì 4 ( dalle 7 alle 15) ottobre: in caso di ballottaggio si torna al seggio domenica 17 e lunedì 18 ottobre.

Comunali a Milano: un vademecum sulle imminenti elezioni

Hanno diritto al voto coloro che sono resi-denti in città, hanno compiuto 18 anni e godono dei diritti civili: con queste carat-teristiche ci sono 986.972 elettori a Milano cui si aggiungono circa 42.260 elettori AIRE, ovvero gli italiani residenti all’estero che in occasione delle amministrative non potranno esprimere il loro voto per corrispondenza ma dovranno far rientro in Italia, per un totale di 487.403 maschi e 539.796 femmine.

Da notare che circa 60 mila sono i cittadini diventati maggiorenni dopo il 5 giugno 2016 che voteranno per la prima volta alle amministrative. I neodiciottenni che voteranno per la prima volta in assoluto, invece, sono 8.082, 3.847 femmine e 4.235 maschi.

Come si vota?

Anche se il sistema elettorale è lo stesso dal 1993 è bene ripassare cosa prevede. Per potere votare è necessario avere con sé al seggio un documento d’identità e la tessera elettorale: in caso di smarrimento o di esaurimento degli spazi disponibili è possibile richiedere una nuova tessera elettorale in una delle sedi ana-grafiche o nell’Ufficio Elettorale di via Messina 52 che resteranno aperte fino alle 15 di lunedì, stesso discorso per il documento d’identità smarrito.

Per quanto riguarda le modalità di voto, per esprimere le proprie preferenze per il Comune si riceve una scheda grigia che contiene il nome dei candidati a sindaco e le liste che lo sosten-gono. La legge elettorale prevede l’elezione diretta del sindaco già al primo turno qualora raggiunga il 50% più uno dei voti, altrimenti il primo e il secondo classificato si disputano l’incarico al secondo turno. La vittoria del sindaco implica un premio di maggioranza in consiglio alle liste che lo hanno sostenuto.

Come compilare la scheda?

Ci sono diverse opzioni per il voto. Si può indicare solo il sindaco con una croce sul suo nome, oppure indicare anche la lista: in questo caso è possibile espri-mere anche una preferenza, che va scritta in stampatello, oppure due a patto che si tratti di un candidato uomo e di una donna.

È possibile esprimere anche il cosiddetto voto disgiunto: si può segnare un candidato sindaco e una lista e un consigliere che sostengono un altro sindaco. Si potrà scegliere tra 13 candidati a sindaco e 28 liste. La nuova assemblea sarà formata da 49 consiglieri, compreso il sindaco cui spetterà la nomina della giunta. Per avere tutte le informazioni, conoscere i candi-dati e i servizi offerti agli elettori è online il sito dedicato elezioni.comune.milano.it. Nella sezione “Dove voto?” è possibile verificare il seggio di appartenenza inserendo l’indirizzo di residenza e/o il numero di tessera elettorale.

 

spot_img

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...