4.4 C
Milano
22. 01. 2022 22:22

Venezia-Inter: la parolaccia dell’arbitro in diretta tv

Ecco cos’è successo, non una bella figura per il direttore di gara Marinelli 

Più letti

Venezia-Inter, match valido per la 14esima giornata di Serie A disputato sabato 27 novembre 2021 allo stadio Penzo della città lagunare, che ha visto la formazione nerazzurra di Simone Inzaghi imporsi con il risultato finale di 2-0, verrà ricordato soprattutto per la parolaccia in diretta tv dell’arbitro Livio Marinelli. Che si sia trattato di un attimo di debolezza, dopo oltre 95 minuti di buona direzione di gara, o se ce l‘avesse con qualcuno in particolare, questo non è dato saperlo. Di certo di quella serata rimarranno in mente la pioggia e il suo aver mandato a quel paese qualcuno. O forse se stesso.

Venezia-Inter, la direzione di gara di Marinelli 

A dare un giudizio sulla direzione di gara dell’arbitro Livio Marinelli in Venezia-Inter è Luca Marelli. Ex arbitro, oggi moviolista di Dazn, dal suo canale YouTube ha commentato: «Ha arbitrato in maniera divina per 95′, sbagliando solo nel finale». Che cos’è successo? Nel dettaglio l’Inter, già in vantaggio per 1-0 in virtù della rete messa a segno dal turco Calhanoglu, nel finale di gara si vedeva interrotta un’azione di gioco in piena area di rigore avversaria per un fallo di mano di Haps, giocatore del Venezia. L’arbitro, in un primo momento, non concede il calcio di rigore ma poi viene richiamato dal var, dove è presente l’altro arbitro Irrati, che lo richiama. Marinelli, non convintissimo, ha però capito che forse la decisione che aveva preso era sbagliata. E mentre si avvicinava al monitor si lasciava scappare un «va a cagare» urlato non si sa bene verso chi. On-field review velocissima e rigore concesso.

La prestazione di Marinelli e la parolaccia 

Marelli ha ancora commentato: «C’è chi pensa che abbia mandato a cagare Irrati, io penso che Marinelli sull’episodio del rigore si sia perso il fallo di mani, lui sapeva di aver arbitrato benissimo e sapeva che se Irrati l’aveva richiamato il fallo c’era. Quel mani è in effetti punibile, il braccio altissimo rispetto alla sagoma è già sufficiente. La mia sensazione è che Marinelli si sia avvicinato al monitor arrabbiato con se stesso, ha visto il mani ed ha dato il rigore ma il suo atteggiamento non mi è piaciuto». E ora, cosa accadrà? «Doveva sapere che le telecamere erano tutte su di lui, doveva controllarsi. Io questo comportamento lo punirei con un paio di turni di forzato riposo. È inaccettabile».

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...