6.4 C
Milano
22. 01. 2022 19:24

Marilyn caduta dalle scale ed altre vittime: Cristina Donati Meyer fa riflettere sulla piaga della violenza sulle donne

L'artista Cristina Donati Meyer torna con tre opere dal forte impatto: un'occasione per riscoprire il senso della giornata mondiale contro la violenza alle donne

Più letti

In occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, l’ “artivista” Cristina Donati Meyer torna a lasciare il segno sui muri di Milano. Nei pressi dell’ Alzaia Naviglio Grande, vicino alla fermata della metropolitana di Porta Genova, sono comparse tre nuove opere suggestive: La Maja pestata, Marilyn caduta dalle scale, La Venere martoriata.

Cristina Donati Meyer: «Tutte urlano forte»

Come ormai ci ha abituato da tempo, Cristina Donati Meyer ci invita con le sue opere irriverenti a riflettere e soprattutto prendere posizione contro una delle piaghe più gravi della società contemporanea. I numeri su femminicidi e violenze di genere sono allarmanti e purtroppo in costante aumento anno dopo anno.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da CDM (@cdonatimeyer)

«La violenza non è mai un’opera d’arte. Tutte urlano forte, con ecchimosi e cicatrici, contro la violenza ai danni delle donne e contro i femminicidi che proseguono costanti a puntellare le cronache nere italiane – scrive l’artista sui propri profili social: un femminicidio ogni due giorni, una mattanza con più vittime della violenza mafiosa. Nella quasi totalità dei casi di femminicidi si tratta di assassini e violenze che si svolgono tra le mura domestiche e nelle coppie, il che evidenzia come molti uomini abbiano una concezione proprietaria, patriarcale e piramidale del rapporto con le donne, considerandole oggetti di proprietà e non esseri senzienti e intelligenti».

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...