6.4 C
Milano
22. 01. 2022 18:35

Il leghista no vax e la frase choc su Liliana Segre: “Mancava anche lei, la numero 75190”

Fabio Meroni, le vaccinazioni e il nazifascismo, riassunto di una storia incredibilmente triste e immorale

Più letti

Il leghista no vax Fabio Meroni, consigliere provinciale, già due volte sindaco di Lissone e parlamentare del Carroccio, si è reso protagonista su Facebook di un duro attacco nei confronti della senatrice Liliana Segre, chiamandola semplicemente «75190» che era il numero che i nazisti le avevano tatuato sul braccio quando, a 13 anni, durante la Seconda Guerra Mondiale, venne deportata nel campo di concentramento di Auschwitz.

Fabio Meroni, leghista no vax, se la prende con Liliana Segre 

Il motivo del discutere è stato l’esporsi della senatrice Liliana Segre in pubblico riguardo l’importanza della vaccinazione. Cosa che, da buon no vax quale è, ha portato il Fabio Meroni a condividere un laconico messaggio su Facebook: «Mancava lei, 75190». Il tutto perché la Segre aveva detto che la la vaccinazione contro il Covid è un dovere morale. Il tutto, ovviamente, ha portato il sindaco di Lissone, Concetta Monguzzi, ad esporsi ufficialmente: «Siamo inorriditi — si legge nella nota ufficiale —. Le considerazioni volgari di chi come il consigliere Fabio Meroni equipara le vaccinazioni al nazifascismo offendono tutte le persone dotate di consapevolezza storica e di un senso di umanità. Le forze di maggioranza chiedono al consigliere Meroni pubbliche scuse come unica via per presentarsi con un residuo di dignità di fronte al Consiglio Comunale e a tutti i cittadini». Le scuse di Fabio Meroni, ovviamente, non sono arrivate. Anzi, il diretto ha interessato ha fatto capire che sui suoi profili social può scrivere ciò che vuole.

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...