4.1 C
Milano
08. 12. 2022 23:59

Influenza: i vaccini somministrati direttamente all’asilo

Via al progetto in nove scuole dell’infanzia comunali. Siete d’accordo? 

Più letti

Saranno nove, una per ogni Municipio, le scuole dell’infanzia comunali in cui, a partire dal prossimo giovedì 10 novembre, prenderà il via il progetto per la somministrazione del vaccino anti-influenzale e per la sorveglianza delle sindromi influenzali e simil-influenzali, per le famiglie che vorranno aderire, direttamente nelle strutture educative, nell’asilo.

Influenza, ora i vaccini si fanno direttamente all’asilo 

Il progetto è frutto di un protocollo sottoscritto da Comune di Milano con ATS, ASST e Unimi per favorire iniziative di promozione della salute dei bambini e delle bambine che frequentano i Servizi all’infanzia, rinnovando la disponibilità alla collaborazione con le autorità sanitarie e supportando la realizzazione di progetti specifici. Regione Lombardia ha avviato lo scorso 18 ottobre la campagna vaccinale contro l’influenza, individuando i bambini come target prioritario. In questo quadro saranno anche organizzati da ASST Fatebenefratelli Sacco open day vaccinali dedicati ai bambini nel mese di novembre (19, 20, 26 e 27) presso il Centro di Palazzo delle Scintille.

Il progetto dell’Università Statale di Milano 

All’interno delle iniziative volte a favorire la vaccinazione per i più piccoli, anche il Comune ha partecipato al progetto proposto dall’Università degli Studi di Milano in collaborazione con ASST Fatebenefratelli Sacco e ATS Città Metropolitana che interessa alcune scuole della Città di Milano e darà la possibilità alle famiglie interessate di poter vaccinare bambine e bambini direttamente nei plessi scolastici. Il progetto riguarda per il momento nove scuole individuate tra le più ‘popolose’ in ogni Municipio e può arrivare a coprire circa 2mila bambine e bambini. Contemporaneamente, sempre per le famiglie che vorranno aderire, sarà possibile anche partecipare allo studio di sorveglianza che si propone di monitorare le sindromi simil-influenzali attraverso l’utilizzo di test salivari, sicuri e semplici da eseguire.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Anna Scavuzzo (@annascavuzzo)

La soddisfazione del Comune di Milano

«Un protocollo importante, frutto di una collaborazione fra istituzioni che promuovono salute e si occupano di prevenzione, a partire dall’infanzia. Questa sperimentazione consolida la volontà del Comune di promuovere e avviare percorsi che anche in futuro possano svilupparsi ulteriormente – sottolinea la Vicesindaco e assessore all’Istruzione Anna Scavuzzo -. È stato pensato anche per andare incontro alle esigenze delle famiglie dei bambini e bambine delle scuole dell’infanzia comunali, che potranno così accedere al servizio di vaccinazione anti-influenzale direttamente nella struttura educativa. Un primo passo in queste nove scuole che ci permetterà di monitorare sia la risposta delle famiglie che l’organizzazione, così da poterla riproporre o replicare in altre strutture».

Come aderire all’iniziativa

Le famiglie dei bambini frequentanti le scuole dell’Infanzia coinvolte potranno presentare la propria adesione alla campagna vaccinale prenotandosi dal 7 al 9 novembre presso la segreteria del proprio Servizio educativo. Sul sito del Comune di Milano, nella pagina dedicata, sarà a disposizione un webinair utile a tutte le famiglie per conoscere nel dettaglio il progetto. L’avvio delle somministrazioni, che dovrà avvenire con l’affiancamento di un genitore o di altra persona delegata dallo stesso, è previsto giovedì 10 novembre nella Scuola dell’Infanzia di via Guicciardi e, nei giorni a seguire, negli altri Servizi educativi aderenti al progetto.

Un progetto di prevenzione e promozione della salute 

«Si tratta di un progetto di prevenzione e promozione della salute di grande importanza – spiega Marino Faccini, direttore dell’unità di Medicina Preventiva nelle Comunità – ATS Città Metropolitana di Milano – perché l’influenza ha la sua massima incidenza nei primi anni di vita e i bambini, oltre a correre il rischio di sviluppare complicanze a seguito dell’infezione, possono diffondere il virus ai nonni e ad altri famigliari fragili. Accanto alla possibilità di eseguire la vaccinazione direttamente a scuola, il protocollo ha il valore aggiunto di offrire ai genitori l’opportunità di effettuare un test con tampone salivare in caso di comparsa di sintomi simil-influenzali consentendo così di fare una diagnosi accurata e tempestiva. La vaccinazione tramite spray nasale e il test tramite tampone salivare sono due strumenti semplici, non invasivi e di grande efficacia per proteggere e “sorvegliare” al meglio la salute dei bambini». Tutte le informazioni sulla campagna e sulle scuole dell’infanzia comunali coinvolte nel progetto a questo link

In breve

FantaMunicipio #13: da orti abusivi a spazi verdi. La nuova classifica

Un paio di sopralluoghi per gli spazi verdi in città hanno ridato attenzione a due aree della città su...