7.8 C
Milano
05. 12. 2021 14:53

Monopattini, stretta in vista: obbligo di targa, casco e assicurazione

Revisione del Codice della Strada, si pensa a regole più severe per l'uso dei monopattini che hanno rivoluzionato la mobilità a Milano e non solo

Più letti

Obbligo di targa, casco, assicuazione: stretta in vista sull’utilizzo dei monopattini in Italia e quindi anche a Milano, città dove sono usati quotidianamente da migliaia di persone e dove purtroppo continuano ad avvenire gravi incidenti.

In Parlamento si apre il dibattito sulla revisione del Codice della Strada introdotta nel decreto Infrastrutture. Domani cominceranno i lavori della Commissione Ambiente e Trasporti della Camera, dove saranno presi in analisi gli emendamenti proposti dai vari partiti.

Non solo in tema di monopattini: la discussione toccherà anche il divieto di fumo alla guida, l’innalzamento dei limiti di velocità su alcune arterie viabilistiche, l’inasprimento delle pene per chi usa lo smartphone al volante e il cosiddetto Bonus Taxi.

Monopattini, regole più severe

La “stretta” era stata chiesta a gran voce da numerosi amministratori. Nella Grande Milano aveva tuonato il sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano, che dopo la morte di un giovane, aveva chiesto regole più severe a tutela degli utilizzatori e di tutti i cittadini (o per esempio Regione Lombardia pronta a varare un regolamento locale).

Tra queste, quelle che potrebbero entrare nel Codice della Strada, sarebbero l’introduzione di una targa (come nel caso dei ciclomotori) e l’obbligo di indossare il casco (e si pensa anche a giubbetti catarifrangenti).

Al vaglio anche l’obbligo assicurativo e il divieto di salire in due persone sul mezzo. Oltre a questo, alcuni partiti chiedono la revisione dei limiti di velocità: 20 km orari sulle piste ciclabili e 30 sulle strade urbane.

Parcheggi ad hoc

Una richiesta bipartisan è quella dei parcheggi ad hoc, cioè la creazione di apposite aree dove poter lasciare e stazionare monopattini e bici dei servizi di sharing.

Probabile che sia demandato alle amministrazioni locali l’obbligo di individuare e delimitare tali aree, per non occupare i marciapiedi e intralciare pedoni e soprattutto togliere spazio ai disabili.

I monopattini e la rivoluzione della mobilità

Più delle bici i monopattini elettrici hanno rivoluzionato la mobilità locale a Milano e in altre città della Lombardia e di tutta Italia.

Infatti, un veicolo condiviso su tre è ormai un monopattino, come spiegano i dati dell’osservatorio nazionale sulla sharing mobility.

Da cui emerge anche che solo nel 2020 si sono registrati 7,4 milioni di noleggi e sono stati percorsi 14, 4 milioni di chilometri.

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...