1.5 C
Milano
01. 12. 2022 07:24

Nasce lo Schiavone Team Lab: «Voglio riportare l’Italia a vincere Parigi»

Francesca Schiavone apre il suo nuovo laboratorio, dedicato a professionisti e aspiranti: «Sono tornata dove mi allenavo da piccola: spero che da Milano passi qualcuno che possa ripetere la mia impresa»

Più letti

Dodici anni dopo il trionfo al Roland Garros, Francesca Schiavone resta l’unica tennista italiana ad aver vinto a Parigi. Al maschile c’è riuscito solo Panatta, tra le donne nessuna ha alzato il trofeo e solo l’amica Flavia Pennetta è riuscita a vincere un altro torneo dello Slam (l’Us Open in finale contro la connazionale Roberta Vinci). Oggi il sogno è scovare e formare tennisti che possano riuscire nella stessa impresa, attraverso lo Schiavone Team Lab.

Una scuola, nelle strutture dell’Aspria Harbour Club e dello Sporting Club Marconi, per aspiranti professionisti e per chi già lo è ma deve perfezionare alcuni aspetti del gioco. Ad affiancare la Schiavone ci saranno il maestro nazionale Lorenzo Frigerio e il preparatore atletico Sergio Bugada.

Nasce a Milano lo Schiavone Team Lab

Perché ha deciso di partire con questa nuova avventura?
«Nasce dal desiderio di condividere la mia esperienza e quel che ho vissuto negli anni. Mi sono ritirata da quattro anni e mezzo e in questo periodo ho guardato tanto tennis, parlato con dei coach di livello e studiato dalla parte esterna del campo».

Qual è il risultato di questo studio?
«Dentro so cosa avviene, fuori devi capire come comunicare. In questo lasso di tempo ho investito su di me e su come poter arrivare ai ragazzi, ai giovani come ai più grandi. Con i professionisti è più facile per me. So cosa vivono, ne ho un ricordo ancora fresco. Per i bambini abbiamo costruito un sistema specifico e innovativo che riguarda sia la parte fisica che il tennis».

Perché avete scelto l’Harbour Club?
«Perchè venivo ad allenarmi qui da giovane e oggi può fornire ai ragazzi una struttura forte, organizzata, con campi da tennis, palestre. È una base importante per loro».

schiavone team lab

C’è un sogno nel cassetto legato a questa nuova esperienza?
«Certamente quello di vedere qualcuno che possa seguire le mie orme, alzando un trofeo come il Roland Garros. L’asticella è sempre molto alta».

A Parigi avete appena vinto il torneo delle Legend con Flavia Pennetta: com’è andata?
«Con Flavia siamo partite come rivali e ora siamo diventate amiche. Passiamo insieme anche il tempo libero con le rispettive famiglie. A Parigi ci siamo trovate a giocare contro Gabriela Sabatini e Martina Navratilova, nostri idoli, esempi con cui siamo cresciute. Mi hanno insegnato loro il rispetto, la disciplina. Ancora adesso si allenano con costanza. È stata una grande vittoria per me e anche per l’Italia».

Come mai si trova così bene a giocare al Roland Garros?
«Parigi è un campo in cui riesco a esprimermi. C’è una componente fisica e mentale, non c’è solo una questione di forza. C’è una parte logica, strategica. La palla salta in modo particolare e io sono nata con questa qualità di riuscire a colpirla bene sulla terra».

Un’altra qualità è il rovescio a una mano: dopo di lei è sparito dal circuito.
«Si fa una fatica tremenda, è un colpo certamente meno solido rispetto a quello a due mani, ma quando colpisci la palla ti dà un angolo che altrimenti non riusciresti a trovare».

In breve

FantaMunicipio #12: Ied e Politecnico avanti tutta in città

Sono le università come Ied e Politecnico- e i progetti ad esse correlate - a spingere Milano in una...