19.2 C
Milano
25. 05. 2022 12:33

Accenture: inaugurato il nuovo Corporate Center di via Bonnet

Investimento complessivo in Italia di 360 milioni di euro e 70.000 metri quadrati di nuovi spazi, volto a ripensare e ridisegnare gli spazi professionali per favorire un modello di lavoro flessibile

Più letti

Inaugurato oggi il nuovo Corporate Center di Accenture in via Bonnet, nel cuore del Porta Nuova Business District. Una torre di 20 piani e 15.000 metri quadrati, progettata e realizzata attraverso una rigenerazione integrale della torre già esistente e delle aree adiacenti, secondo i più moderni criteri di sostenibilità e sicurezza. 

Accenture, ecco il nuovo centro di via Bonnet

Il nuovo Corporate Center di via Bonnet è la prima tappa del programma Forward Building avviato da Accenture nel 2019, con un investimento complessivo in Italia di 360 milioni di euro e 70.000 metri quadrati di nuovi spazi, volto a ripensare e ridisegnare gli spazi professionali per favorire un modello di lavoro flessibile. «Abbiamo creduto molto nel programma Forward Building, confermato nonostante la pandemia. Per noi rappresenta un vero e proprio cambio di paradigma nel concepire l’esperienza professionale, dove la tecnologia è al servizio del capitale umano perché possa esprimere tutto il suo potenziale e sia in grado di abbracciare il cambiamento. Questo è uno dei valori in cui crede fermamente Accenture”, ha commentato Fabio Benasso, Presidente di Accenture Italia. “Il nuovo edificio, progettato secondo i più moderni criteri di sostenibilità, ci ha permesso inoltre di riqualificare un’area importante per la città di Milano e di contribuire in questo modo a un ulteriore sviluppo del business district a vantaggio della collettività, per noi uno stakeholder fondamentale. Crediamo rappresenti un segnale positivo per la ripartenza della città di Milano e di tutto il Sistema Paese».

Una torre che punta alla sostenibilità 

La torre di via Bonnet, riqualificata dalla proprietà Coima SGR S.p.A, è stata progettata in termini di sostenibilità permettendo di ridurre del 20% le emissioni di CO2 rispetto all’edificio di riferimento, utilizzando materiali incentrati sul principio di economia circolare nello sviluppo immobiliare e fonti rinnovabili che coprono il 65% del fabbisogno energetico dell’edificio. Inoltre, una rete di oltre 5.000 sensori IoT (Internet of Things) consente di monitorare i parametri ambientali interni, calibrando automaticamente temperatura, luci, ecc. per garantire le migliori condizioni di comfort agli utenti e risparmio energetico.

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...