11.9 C
Milano
22. 10. 2021 04:50

Si conclude l’occupazione dell’ex liceo Manzoni: «Vogliamo una scuola umana improntata all’emancipazione»

Gli studenti lasciano il vecchio edificio occupato lo scorso venerdì: tante le richieste per cambiare la scuola

Più letti

Si conclude l’occupazione dell’ex liceo Manzoni “preso” dai ragazzi lo scorso venerdì. Un weekend di confronti e assemblee, ma anche di pulizia per sistemare la palestra che ha ospitato il doppio appuntamento di Cantiere Scuola, l’incontro dei rappresentanti dell’Unione degli studenti delle province lombarde per porre le basi del Manifesto per la scuola pubblica in Lombardia.

Occupazione dell’ex liceo Manzoni: tante le richieste

Gli studenti hanno le idee chiare. Durante l’occupazione dell’ex liceo Manzoni sono state tante le rivendicazioni espresse. C’è il tema del diritto allo studio. «La scuola è molto meno accessibile di quanto sembra – spiega Francesca, delegata di Bergamo -, la spesa per l’abbonamento ai mezzi di trasporto e l’acquisto dei libri ogni anno pesa sulle famiglie e non tutte possono sostenerla».

Un altro dei problemi più sentiti è quello riguardante l’edilizia scolastica. «Oggi ci sono edifici che cadono a pezzi – spiega Simone, 17 anni, di Uds Milano – Nella nostra città è evidente il divario tra scuole che sorgono in luoghi diversi, dove il contesto influenza il funzionamento dell’istituto. Nelle scuole di periferia, dove ci sono realtà più complesse e maggiore trascuratezza, è difficile entrare».

Il lungo periodo passato in DAD ha anche posto le basi per un sistema di rivalutazione della didattica. «La didattica dovrebbe essere sviluppata in funzione dell’allievo, non del docente che deve valutarlo – aggiunge Simone, rappresentante di Pavia -. Bisogna superare la didattica frontale, adottando una prospettiva di aggiornamento continuo per trovare modalità d’insegnamento efficaci».

I ragazzi chiedono un cambio radicale. «Non ci accontentiamo di una scuola accessibile – commenta Ludovico O. di Uds Milano -. Vogliamo una scuola che ci educhi a cambiare il mondo».

In breve

È tempo di derby d’Italia: chi perde è già fuori dalla lotta scudetto?

Sarà il pubblico, rispetto a una stagione fa, l'aspetto distintivo del derby d'Italia in programma domenica sera alle 20.45...