29.6 C
Milano
25. 06. 2022 16:46

“Di amministrative non ci capisco nulla”, parola di Vittorio Feltri, eletto consigliere con Fratelli d’Italia

In neoeletto consigliere del Comune di Milano, che con i suoi voti ha trainato il partito di Giorgia Meloni, dubita di aver voglia di presentarsi in consiglio comunale a Palazzo Marino. Ma ha le idee chiare su quello che cambierebbe in città

Più letti

«Quarto Oggiaro? Ha ragione, non ho la minima idea di dove diavolo stia. Se mi metto in macchina fuori dal centro di Milano, sicuro che mi perdo». Così risponde al Fatto Quotidiano Vittorio Feltri, direttore editoriale di Libero e primo consigliere eletto per Fratelli d’Italia alle amministrative di Milano.

Vittorio Feltri fa tendenza, nel bene e nel male e questo chi ha guidato la campagna elettorale di Fratelli d’Italia a Milano lo sapeva bene

Senza le preferenze raccolte da Feltri, il partito di Giorgia Meloni avrebbe avuto una distanza molto più ampia dell’1% rispetto Salvini: la lista Lega Salvini Premier ha raggiunto il 10.74%, mentre Fratelli d’Italia si è assestata al 9.76%, ma dietro il candidato Feltri, primo per distacco con 2.268 voti, il secondo non sfiora neanche i mille (Riccardo Truppo, 929 voti).

Quindi Vittorio Feltri dovrà presenziare a Palazzo Marino come consigliere comunale. O meglio, dovrebbe. «È chiaro che non me ne frega un cazzo, di amministrazione non ci capisco nulla – ha dichiarato il neoeletto Feltri – Magari vado lì la prima volta giusto a vedere com’è, a curiosare».

Cosa cambierebbe Feltri a Milano?

Ma Vittorio Feltri, se decidesse di impegnarsi nel cambiamento di Milano, cosa farebbe? «Via le piste ciclabili, via i monopattini. E poi i barboni. Possibile che a Bergamo, la mia città, Gori che è uno di sinistra sia riuscito a far sparire i senzatetto e noi no? Io quando li vedo li aiuto perché poi mi imbarazza, mi fanno pena, e allungo quei 20 euro». Mai stato a Quarto Oggiaro? «No mai, non so neppure dove sia e se mi avventurassi in macchina mi perderei – ammette Feltri – È chiaro che noi viviamo nel centro, non sappiamo un cazzo delle periferie, non le conosciamo. Ecco dico solo questo, che magari bisognerebbe conoscerle. Io però non le conosco».

 

spot_img

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...