8.9 C
Milano
27. 11. 2021 15:18

MuseoCity, Silvia Adler: «Anche a porte chiuse, c’è tanto da raccontare»

Cultura e pausa caffè: un’iniziativa che vuole dare voce ai suoi 89 musei non visitabili in queste giornate di isolamento

Più letti

Per tre giorni interi hanno aperto le porte al pubblico. È Milano MuseoCity, che per varie edizioni ha proposto visite guidate, laboratori per bambini, conferenze, aperture straordinarie e iniziative speciali nei luoghi espositivi del capoluogo lombardo e dintorni. Quest’anno l’evento era programmato per i primi di marzo, ma è stato rinviato a data da destinarsi. Una delle tantissime iniziative che hanno dovuto dare forfait causa Covid-19.

 

 

L’associazione MuseoCity non si è data per vinta e, al claim di La cultura non si ferma, ha previsto una serie di iniziative per tenere vivi i luoghi culturali della città. Ad esempio Museo Kids, proposte per mettere in moto la creatività dei più piccoli con lavoretti, materiali educativi, storie e fiabe e Capolavori e tante storie fai da te, contest per rivivere la bellezza di 11 capolavori dell’arte italiana custoditi nei musei di Milano. Per partecipare basta scaricare da museocity.it uno degli undici disegni che rappresentano altrettante opere custodite nei musei del network, colorarlo e continuare uno dei racconti proposti ogni settimana. A quel punto basta scattare una foto e condividerla sul proprio profilo Instagram o Facebook. Ogni settimana il disegno e il racconto più bello vinceranno una visita guidata non appena termineranno le restrizioni.

Silvia Adler – MuseoCity, l’intervista

«Debutta anche Pausa Caffè», anticipa Silvia Adler, project manager di MuseoCity.

 Di cosa si tratta?
«È un podcast interamente dedicato al mondo dei musei ideato dall’Associazione MuseoCity con il contributo di MUMAC, il Museo della Macchina per il caffè di Gruppo Cimbali. Si tratta di una vera e propria radio on demand che è possibile ascoltare e riascoltare più volte, anche offline. Ed è disponibile su tre canali differenti: Spotify, Spreaker e Storytel».

Quali sono i suoi contenuti?
«Il podcast propone ogni settimana nuove interviste a quei musei che hanno tanto da raccontare, anche a porte chiuse. È già disponibile un’introduzione dell’assessore alla Cultura Filippo Del Corno e due interviste: alla manager MUMAC Barbara Foglia e a Maria Fratelli, direttrice dello Studio Museo Francesco Messina e dirigente delle Case Museo e Progetti Speciali del Comune di Milano, come Casa della Memoria. Il tutto affiancato da playlist evocative di opere d’arte e oggetti conservati nei loro musei, curate dai nostri ospiti e dai loro collaboratori».

Silvia Adler
Silvia Adler

Qual è l’obiettivo?
«È un’opera di divulgazione di valori spesso trascurati o dimenticati. Uno strumento che vuole offrire alle 89 diverse istituzioni museali della città di Milano e dell’hinterland che fanno parte di MuseoCity la possibilità di esprimersi appieno anche durante l’emergenza sanitaria».

Si tratta di realtà molto eterogenee fra di loro.
«Esatto. MuseoCity racchiude musei d’arte, di storia, musei scientifici, come il Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci, case museo, archivi e musei di impresa, oppure ancora nati dalla passione collezionistica di alcuni privati, come il Museo della Macchina da scrivere».

Com’è cambiato il modo di fruire l’arte?
«Le iniziative sono tantissime e coinvolgono tutti i canali social: Instagram, Facebook, YouTube. Solo per citarne alcune: la serie Decameron lanciata da La Triennale e i quiz sui compositori più importanti ideati dal Museo Teatrale alla Scala. Ogni realtà si è ingegnata e ha adottato modalità di comunicazione adeguate ai propri contenuti. Insomma non si tratta solo di gusti artistici diversi, ma anche di mezzi tecnologici differenti».

Per quanto riguarda il vostro circuito?
«Noto molta più vicinanza fra le istituzioni che aderiscono a MuseoCity e che online si supportano a vicenda. Pur avendo iniziative personali, hanno voglia di dare visibilità anche agli altri. È un segno tangibile che l’unione fa la forza».

Come si evolverà MuseoCity quando l’emergenza sarà terminata?
«In questo momento pensare a ciò che sarà non è semplicissimo. Riproporremo Milano MuseoCity, la manifestazione diffusa di tre giorni di cui siamo promotori e che è stata rimandata a data da destinarsi. Inoltre, se il pubblico apprezzerà il podcast, proseguiremo questo progetto. Non è solo una trasmissione che intende intrattenere il pubblico, ma è una fonte destinata a rimanere e che arricchirà musei e ascoltatori. Una traccia preziosa che rimarrà online e sarà sempre fruibile gratuitamente dal pubblico».

Agenda social

Decameron. Interviste e performance live

La Triennale

 Tour virtuali

Museo Bagatti Valsecchi
Museo del Duomo
Pinacoteca di Brera
Gam

Giochi e quiz

Museo Poldi Pezzoli
Museo della Scala
Museo Leonardo da Vinci

Film in streaming

Fondazione Prada
Cineteca Italiana

Ricette

Mudec Bistrot by Enrico Bartolini

In breve

Apre stasera House of Pulled, il primo locale interamente dedicato alla “pulled meat”

Apre stasera House of Pulled, il primo locale interamente dedicato alla “pulled meat”: pork, chicken e beef, ovvero carne...