4.1 C
Milano
09. 12. 2022 00:04

“Love Letters to the Muse”, il Calendario Pirelli secondo Emma Summerton

Il Calendario 2023 è realizzato dalla fotografa australiana e raccoglie 28 scatti di 14 modelle

Più letti

Lila Moss, Guinevere Van Seenus, Adwoa Aboah, Karlie Kloss, Sasha Pivovarova, Lauren Wasser, Emily Ratajkowski, Cara Delevingne, Bella Hadid, Kaya Wilkins, Precious Lee, He Cong, Adut Akech, Ashley Graham sono le Muse del Calendario Pirelli 2023 giunto alla 49esima edizione. Si intitola “Love Letters to the Muse” ed è stato realizzato dalla fotografa australiana Emma Summerton, quinta donna a firmare il Calendario dopo Sarah Moon nel 1972, Joyce Tenenson nel 1989, Inez Van Lamsveerde (del duo Inez and Vinoodh) nel 2007 e Annie Leibovitz nel 2000 e nel 2016.

Il Calendario Pirelli 2023 si intitola “Love Letters to the Muse”, realizzato da Emma Summerton

Quest’anno è la stessa Emma Summerton ad aver curato anche la regia, insieme al regista Carlo Alberto Orecchia, del video di presentazione. Il Calendario Pirelli 2023 raccoglie 28 scatti di 14 modelle ritratte con lo stile onirico che distingue il lavoro di Emma Summerton.

La loro scelta non è stata casuale. Ognuna di loro, infatti, presenta delle affinità con la Musa che è stata chiamata a rappresentare sui set realizzati tra Londra e New York per lo shooting avvenuto tra giugno e luglio. Quando il team Pirelli ha sfogliato per la prima volta l’archivio dei lavori di Emma Summerton è stato attratto dalla sua capacità di fondere il reale e il surreale, dando forma a quel mondo moderno e squisitamente pittorico che è la sua firma.

Per questo motivo, quando ha iniziato a delineare il concept del progetto, Emma Summerton si è fatta ispirare innanzitutto dal suo portfolio, oltre che dalla miriade di temi artistici e tematici a cui si è sempre rivolta, come il surrealismo e il realismo magico; la bellezza e la natura selvaggia; l’amore per i fiori e i rami selvatici e il potere del regno animale, insieme al simbolismo che ciascuno di essi occupa nell’arte, nella poesia, nella musica e nella letteratura.

Calendario Pirelli, parla Marco Tronchetti Provera

«Questo calendario nasce in un momento particolare, da una parte l’uscita dalla pandemia e dall’altro la ricerca del sogno, di un po’ di magia – ha raccontato Marco Tronchetti Provera, amministratore delegato del gruppo Pirelli -. L’incontro con Emma Summerton è diventato naturale guardando i book di fotografie di diversi altri artisti e a noi è apparso che interpretasse meglio di chiunque altro questo desiderio di guardare con occhio diverso una realtà che aveva creato qualche sofferenza. Durante il percorso si sono aggiunte altre tragedie intorno a noi ma è rimasto il bisogno e la necessità di sognare. Non a caso si chiama Lettera alle Muse, e le modelle sono state scelte da Emma in modo molto coerente con quella che è la sua capacità di guardare le persone da un angolo diverso, guardando sfumature importanti che lei ha saputo cogliere».

In breve

FantaMunicipio #13: da orti abusivi a spazi verdi. La nuova classifica

Un paio di sopralluoghi per gli spazi verdi in città hanno ridato attenzione a due aree della città su...