11.1 C
Milano
23. 10. 2021 03:52

Nuovo studentato in via Ripamonti, Maran: «Milano vuole continuare ad essere una città attrattiva per i giovani»

Il progetto pervenuto ha già avuto il parere favorevole della Commissione per il paesaggio. Consentirà inoltre il recupero dell'edificio dell'ex consorzio agrario

Più letti

Sono oltre 200 mila gli studenti fuorisede che scelgono Milano per il percorso di studi universitari e para-universitari. Trovare affitto vicino alla propria sede universitaria è spesso complicato e non sempre i prezzi sono accessibili ai più. Perché non investire in uno studentato?

Nuovo studentato in via Ripamonti, Maran: «Milano vuole continuare ad essere una città attrattiva per i giovani»

«Incrementare l’offerta di alloggi a prezzi accessibili per gli studenti che scelgono l’eccellenza delle università milanesi, garantendo altresì il recupero di un edificio di pregio in disuso da tempo». Con questo obiettivo l’Amministrazione ha riconosciuto l’interesse pubblico e generale quale servizio per la città relativo alla proposta pervenuta per la realizzazione per la realizzazione di nuovi alloggi a prezzi convenzionati per gli studenti.

Studentato. L’assessore Maran sta dedicando parte del suo lavoro alla creazione di nuovi posti per permettere ai giovani di avere una base sicura in città. Da poco, ha infatti aperto il nuovo campus della Bocconi e il villaggio olimpico allo scalo di Porta Romana sarà trasformato in altri appartamenti per universitari. I progetti sono in continuo aggiornamento. «Milano – come ha dichiarato l’assessore – vuole continuare ad essere una città attrattiva per i giovani. Abbiamo bisogno di ampliare l’offerta di alloggi a prezzi accessibili». In particolare la scelta è ricaduta su uno stabile in via Ripamonti 35/37.

Non solo studenti. L’edificio diventerà uno studentato convenzionato per circa 700 studenti con alloggi con tariffe a canone calmierato e un locale con accesso autonomo di circa 240 m2 ad uso comune degli utenti della residenza. Porte aperte anche alla cittadinanza che potrà usare lo stabile per lo svolgimento di manifestazioni, eventi, mostre e convegni.

In breve

Alla Triennale c’è “Refocus”, la pandemia raccontata da 40 giovani fotografi

La pandemia raccontata dagli scatti fotografici di 40 giovani fotografi: fino al 21 novembre negli spazi della Triennale di...