7 C
Milano
28. 11. 2021 16:03

Sala: «Piano per l’edilizia un dovere: ora ci sono i fondi per le case popolari»

Le parole del primo cittadino in un filmato pubblicato su Instagram

Più letti

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, è stato nelle ultime ore a Roma per una serie di incontri con i ministri Colao e Giovannini, nonché con il premier Draghi, riguardanti i fondi provenienti dal PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza). In un video pubblicato su Instagram il primo cittadino ha fatto un sunto di quel che servirà nel prossimo futuro, con un particolare focus sulla situazione abitativa nelle case popolari.

Sala: «Il PNRR sia la leva per la ristrutturazione delle case popolari»

«In campagna elettorale ho parlato moltissimo dei fondi europei e di come possono permetterci di rigenerare la città – dice Sala nel filmato -. Stamattina sono stato a Palazzo Chigi e ho sottolineato al presidente Draghi come mi stia a cuore il tema dell’edilizia popolare. Abbiamo 70.000 appartamenti a Milano, circa il 10% della popolazione vive nelle case di edilizia pubblica. Nello scorso mandato abbiamo recuperato 4.200 appartamenti ristrutturandoli e consegnandoli a chi era in attesa. Abbiamo ridotto l’abusivismo dal 6 al 3% ma non siamo riusciti ad avviare un grande piano di ristrutturazione delle case e bisogna invece farlo perché ora ci sono i fondi. Al degrado fisico di quelle case corrisponde un degrado sociale in alcuni quartieri. Credo sia un dovere di tutti noi e da questo punto di vista ho trovato il premier molto sensibile. Mi auguro che questa, il PNRR, possa essere una delle principali leve che metterà in attuazione il nostro governo».

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Beppe Sala (@beppesala)


Il vertice con Draghi, come detto è arrivato dopo quelli con altri due rappresentanti del governo. Con il ministro Colao si è parlato di dotazione digitale della pubblica amministrazione e di interoperabilità delle banche dati. Con Giovannini, invece, il tema chiave è stato quello di mettere a terra velocemente i progetti per prolungare le metropolitane e sostituire gli autobus attuali con quelli elettrici.

In breve

Bomba a Segrate: concluse le operazioni di disinnesco dell’ordigno risalente alla Seconda Guerra Mondiale

Concluse le operazioni di disinnesco della bomba a Segrate, presso lo scalo merci Milano-Smistamento, nella frazione di Tregarezzo. L'ordigno...