7.9 C
Milano
15. 04. 2021 07:16

Mascherine in vetta: è il Carnevale in Trentino

Più letti

Bollettino regionale Covid: tasso di positività al 4,2%, intensive -6, ricoveri -138, decessi +85

I positivi al Covid-19 riscontrati nelle ultime 24 ore in Lombardia sono 2.153 con la percentuale tra tamponi eseguiti...

L’industria musicale: «Via libera al calcio? Una farsa»

«Se è possibile accedere in uno stadio con 16mila persone per il calcio deve essere possibile anche per un...

Il giorno del vaccino: cronaca di un’esperienza diretta

Non solo code chilometriche di anziani ammassati in fila, magari sotto la pioggia, per ricevere il vaccino contro il...

Maschere e riti ancestrali, emergono dal lontano passato e si rinnovano nel presente. Il Carnevale in Trentino è un perfetto di mix di tradizione e modernità, manifestazione che affonda le sue radici nella cultura popolare e nelle antiche usanze, e che allo stesso tempo guarda al futuro e si distingue per i suoi tratti più contemporanei. Carri allegorici, feste a tema, musica e concerti: non possono mancare i dolci e le frittelle, compresi i tipici grostoi da assaggiare insieme a un buon bicchiere di vin brulè.

In cima alla lista delle feste trentine da non perdere c’è il Carnevale Ladino, di scena nei paesi che si nascondono tra le vette delle Dolomiti della Val di Fassa. Fino al 5 marzo da Moena fino a Canazei sono in programma le tradizionali “mascherèdes”, spettacoli satirici nell’antica lingua locale, e le sfilate di Bufòn, Marascons e Lachè, che indossano le tipiche maschere di legno (le faceres) intagliate dagli artigiani scultori della valle, eredi di un’arte antica e tuttora viva.

Da fondo valle, salendo verso le cime dei Monti Pallidi, ci si imbatte nello scenario della Val di Fiemme: lì, nel Comune di Valfloriana, ogni anno si ripete una delle feste di Carnevale più antiche di tutto l’arco alpino. Sabato 2 marzo, un lungo corteo di personaggi con maschere lignee e costumi sgargianti scenderà di villaggio in villaggio (il Comune è formato da 10 frazioni) per incontrarsi nella piazza di Casatta.

Tra le feste senza dubbio più spettacolari e caratteristiche c’è il Carnevale Asburgico di Madonna di Campiglio. Dal 4 all’8 marzo gli abitanti sono chiamati a rievocare i fasti e lo spirito dell’epoca in cui la principessa Sissi e l’imperatore Francesco Giuseppe soggiornarono nella località alpina ai piedi delle Dolomiti di Brenta.

Il clou di questo appuntamento, il Gran ballo imperiale nello splendido Salone Hofer, con dame e principi asburgici in splendidi abiti e gli immancabili valzer, sarà preceduto da sfilate in costume, fiaccolate, sciate in abiti d’epoca, ed è un vero e proprio viaggio all’indietro nel tempo. Se viaggiate con la famiglia e avete bambini, anche piccoli, mettete in programma di passare da Arco, dove si svolge una delle sfilate allegoriche più colorate di tutto il Trentino: domenica 3 marzo, dalle 14.00, il centro storico si trasforma in un vero parco dei divertimenti per i più piccoli animato dall’allegria di trampolieri, clown e giocolieri.


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/

Articolo precedenteMahmood conquista Milano
Articolo successivoMilano ha fame di infrastrutture

In breve

Maran: «Prorogare gratuità dell’occupazione del suolo pubblico per tutto il 2021»

«Ribadisco che è fondamentale che il Governo proroghi la gratuità dell'occupazione suolo pubblico per tutto il 2021 con i...