18.5 C
Milano
12. 05. 2021 19:35

Sconosciuta periferia: in tanti ne parlano, in pochi la comprendono

La pandemia ha riportato alla luce il problema delle periferie tra precarietà, disagio e violenza

Più letti

Ammettiamolo. Per anni – e, in modo più accentuato, da Expo 2015 in poi -, abbiamo creduto in molti che la Milano “fighetta”, quella che innova e sperimenta, quella delle luci abbaglianti (e degli stagisti sottopagati), dei nuovi protagonisti intellettuali (influencer, artisti più o meno autoproclamatisi tali, star dei fondi di investimento e della creatività), avrebbe per forza di cose, per un’ineluttabile inerzia del destino, trascinato con sé il resto della città verso un futuro radioso e senza intoppi.

Non è andata così e la pandemia ha solo evidenziato e accelerato una questione sociale che prima o poi sarebbe emersa comunque. Si parla, a sproposito spesso e volentieri, di periferie come zone di degrado, di emarginazione sociale.

Si è parlato troppo poco, e male, in questi anni, di altri temi: il costo esorbitante delle case e degli affitti che costringe alla povertà e a soluzioni di fortuna migliaia di persone, un mondo del lavoro sempre più polarizzato tra chi ha una formazione altamente specializzata e di qualità, con reddito conseguentemente alto, e invece chi svolge lavori poco qualificati, con salari al limite della sussistenza e non tutelati.

Si parla di violenza, di rabbia, non si discute abbastanza – e si fa ancora meno – di come ricucire il divario tra i giovani che frequentano le scuole del centro (che fanno le vacanze studio in Inghilterra o negli USA, che possono viaggiare e scoprire il mondo) e i tanti, tantissimi giovani milanesi che non hanno l’opportunità di avere una formazione scolastica e culturale adeguata.

Ci siamo cullati e autocompiaciuti della Milano imbattibile, forte, inscalfibile dalla polvere degli squilibri. Adesso si torna a parlare di periferie, sbagliando ancora una volta. Perché la periferia non è un luogo fisico, i centri sono dove noi viviamo. La periferia è la diseguaglianza, la mancanza di opportunità, l’esclusione, la solitudine.

In breve

Torre Milano, completata la struttura esterna del “grattacielo” della Maggiolina

La Torre Milano, l'edificio di 80 metri composto da 23 piani in via Stresa a Milano, è in fase...