3.9 C
Milano
27. 01. 2023 13:15

«E’ sempre l’ora del tè»: parla l’esperta Barbara Sighieri

Intervista alla titolare di Teiera Eclettica a Milano

Più letti

Barbara Sighieri, esperta di tè (ma ama definirsi soprattutto curiosa) e titolare di Teiera Eclettica a Milano apre le porte di questo magico mondo ancora poco conosciuto tra storia, cultura e degustazioni

L’ora del tè raccontata da Barbara Sighieri di Teiera Eclettica

Sono quasi vent’anni che ha iniziato la sua avventura, vero?
«Sì, ho aperto il mio negozio, in piazzale Bacone a Milano nel 2004. Il mondo del tè era ancora meno conosciuto di oggi. Il mio grande sogno era avere una sala da tè, ma per fortuna non l’abbiamo aperta subito».

Perché?
Perché se no non saremmo stati qui oggi. È stato bene partire dal negozio. Poi nel 2013, quando ci siamo trasferiti nella sede attuale, abbiamo finalmente affiancato la nostra sala da tè».

barbara sighieri

È aperta tutto il giorno?
Prima del Covid sì, ma ora abbiamo deciso di aprirla solo nel pomeriggio dal mercoledì alla domenica. Qui serviamo solo tè, infusi e tisane che facciamo noi e in più succhi di frutta. Poi facciamo preparazione ad hoc con il tè come i cocktail in estate o i punch caldi in inverso. Tutti i giorni serviamo dolci freschi: dai biscotti al tè che ci facciamo fare, alle torte come la crostata alle crema al tè matcha».

Quanti tè avete?
Dopo vent’anni di attività siamo a circa 300 tè provenienti da tantissimi Paesi: da quelli storici come Cina, Giappone e Sri Lanka, a quelli più nuovi come Mauritius, Turchia, Tailandia, Vietnam e Corea. Inoltre alcuni di questi tè sono serviti con oggetti tradizionali, soprattutto quelli giapponesi e cinesi. Un esempio è l’antica procedura del gong fu cha della tradizione cinese».

Che eventi e seminari organizzate?
Tantissimi, li trovate tutti sul sito (teieraeclettica.it). Ci sono sia quelli legati alla conoscenza del tè e dei diversi Paesi che lo producono, sia quelli dedicati agli abbinamenti come cioccolato e formaggi. Quest’anno ci siamo anche divertiti a creare con PicoBrew formaggi affinati con tè pregiati».

Ci sono delle miscele prescelte nel periodo natalizio?
Questo è il periodo dei tè di Natale arricchiti da spezie che scaldano e si abbinano perfettamente al panettone. Non mancano poi gli agrumi, la frutta secca e la vaniglia. Poi ci sono gli infusi di rooibos, le tisane alla mielissa e quelle digestive. Possiamo anche aromatizzare noi il tè a casa, perché è una pianta che assorbe molto. Basta far seccare le bucce di mandarino, avvicinarle al nostro tè e voilà!».

Qual è la tua visione sul futuro del tè?
Tutti i prodotti arrivano da lontano, abbiamo avuto problemi di approvvigionamento, ma si spera che ora siano superati. Quello del tè è un mondo in evoluzione, ci sono da una parte sempre nuovi Paesi che si affacciano a questo magico universo e dall’altra gli storici che ne producono sempre di nuovi. Ho chiamato il mio negozio Teiera Eclettica, perché mi piace pensare che il tè sia un po’ così: un intreccio di sfumature, culture, approcci».

In breve

FantaMunicipio #17: così le rotonde diventano piazze

Cantieri sempre aperti a Milano dove molte rotonde cambieranno pelle. La notizia della settimana è l'avvio dei cantieri per...