28.5 C
Milano
23. 06. 2021 14:15

A Vimodrone arrivano i nidi “plastic free”: il progetto della cooperativa Koinè

Acqua del rubinetto e pannolini lavabili nel progetto affidato alla cooperativa Koinè

Più letti

L’educazione ambientale si impara fin da piccoli. Il Comune di Vimodrone ha preso in parola questo concetto affidando alla cooperativa Koinè, che gestisce due asili nido della città, il compito di portare avanti il progetto “Asili nido plastic free”, finanziato dalla Fondazione Cariplo.

A Vimodrone l’educazione ambientale passa dal gioco

Così i bambini di Vimodrone si stanno abituando a usare giochi realizzati con materiali naturali, a bere l’acqua del rubinetto, a indossare gradualmente i pannolini lavabili. Koinè ha stimato che ogni anno nei due nidi si utilizzavano 40 mila pannolini usa e getta, corrispondenti a 6,5 tonnellate di rifiuti indifferenziati.

In più, nelle due strutture si calzeranno sovrascarpe di stoffa, anziché le classiche “cuffie” blu in plastica: in un anno ne venivano utilizzate, e poi buttate, 2 mila. Inoltre gli edifici sono alimentati con energia elettrica da fonti rinnovabili, e la cooperativa punta a usare prodotti senza imballaggio e a servire più possibile pasti cucinati con ingredienti a km 0.

«Il Comune è da sempre sensibile al tema dello sviluppo sostenibile e della cura verso l’ambiente – hanno spiegato Andrea Citterio, assessore all’Ecologia e Marco Albertini, assessore all’Istruzione -. I nidi “plastic free” rientrano nelle politiche ambientali del Comune, con uno sguardo sulle nuove generazioni. Ricordiamo che Vimodrone è uno dei Comuni più “ricicloni” della regione, con una percentuale di raccolta differenziata del 65% e una produzione pro-capite di rifiuto indifferenziato pari a 75 chilogrammi all’anno».

L’adesione a Forestami

Per restare in ambito “green”, la cittadina alle porte di Milano ha deciso di aderire al progetto Forestami, individuando in un’area vicina alla strada Padana superiore il luogo adatto dove realizzare un nuovo parco con 1.300 alberi.

Nuova linea. Sempre a Vimodrone, pochi giorni fa è stata inaugurata la prima linea di trasporto pubblico gestita da Atm, la 927, che con 32 corse giornaliere collega le zone nord e sud della cittadina, passando per la stazione della M2 e la vicina Segrate. Anche i segratesi potranno sfruttare il nuovo bus per raggiungere la frazione di Rovagnasco e il Villaggio Ambrosiano. Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 17.30.

In breve

A Milano una via dedicata all’inventore dell’Amuchina

Domani, giovedì 24 giugno, nel quartiere Ortica di Milano verrà intitolata una via ad Oronzio De Nora, ingegnere industriale...