12.5 C
Milano
17. 05. 2021 05:38

Milano, il comitato Priorità alla scuola sotto il Comune: «Vogliamo i test, ma rapidi»

Nuova manifestazione davanti a Palazzo Marino: il Comitato chiede test rapidi per garantire la sicurezza nelle scuole

Più letti

Il comitato “Priorità alla Scuola” torna a protestare davanti Palazzo Marino. Questa volta l’oggetto della discordia è rappresentato dai test antigienici rapidi che i manifestanti vorrebbero venissero utilizzati a scuola per garantire un rientro in sicurezza e per tracciare con maggior facilità il virus tra gli studenti.

La manifestazione.  «Oggi siamo qui davanti a Palazzo Marino perché se da una Regione inconcludente e colpevole non ci aspettiamo più nulla – dichiara Chiara Ponzini di “Priorità alla Scuola” -, siamo quantomeno stupite dalla tacita acquiescenza di una amministrazione comunale di sinistra per i continui rinvii su un semplice ordine del giorno che potrebbe portare i test rapidi antigenici in città e che da 3 settimane è fermo nell’ agenda del Consiglio Comunale».

I manifestanti sottolineano l’importanza dei test rapidi come strumento di prevenzione nelle scuole. «I test antigenici nelle scuole – prosegue Ponzini -, non farebbero solo prevenzione ma ci direbbero come si muove territorialmente il virus, perché le scuole sono distribuite in modo uniforme nei quartieri».

Aggiornamento. Grazie anche alla pressione del Comitato riunito davanti Palazzo Marino, il consiglio comunale ha approvato l’ordine del giorno proposto da Basilio Rizzo che chiede l’introduzione dei test rapidi a prezzi calmierati, in modo da renderli utili anche per screening di massa come nelle scuole.

In breve

Fontana conferma le parole di Bertolaso: «Tutti vaccinati entro luglio»

Dopo il consulente Guido Bertolaso anche il governatore Attilio Fontana ha confermato che entro luglio tutti i lombardi riceveranno...