17.9 C
Milano
27. 02. 2021 17:24

Prosegue l’occupazione del liceo Vittorio Veneto: Sala attende gli studenti a Palazzo Marino

Il sindaco Sala attende una delegazione degli occupanti del liceo: i dettagli

Più letti

M4, ci siamo: ecco quando verrà inaugurata la fermata di Linate

Le gallerie della M4 sono terminate e molte delle fermate sono già ultimate. Tra queste, come dimostrano le immagini...

Scuola, Gismondo: «È un bene primario essenziale, non togliamogliela»

Il primo segnale dell'aumento dei contagi in Lombardia sono state proprio le scuole. Nel giro di due settimane i...

Vaccini, Bertolaso: «La coperta non è corta: è un fazzoletto»

Nella corsa contro il tempo per vaccinare più persone possibili, Guido Bertolaso è fermamente convinto che dopo gli over...

L’occupazione del liceo scientifico Vittorio Veneto di Milano prosegue. Circa una ventina di studenti hanno deciso di trascorrere la notte nella scuola in segno di protesta contro la didattica a distanza.

La situazione. L’occupazione è iniziata improvvisamente ieri mattina: i ragazzi si erano trovati davanti all’istituto per seguire delle lezione online tutti insieme, ma verso le 11,00 hanno deciso invece di scavalcare le recinzione e forzare l’ingresso dell’istituto.

«Stavo parlando con loro fuori dal liceo quando hanno deciso di scavalcare il cancello ed entrare nel cortile esterno della scuola – ha raccontato la preside Patrizia Cocchi -. Hanno superato il confine della legalità e ora è difficile recuperare il dialogo perché io non posso appoggiare un’azione illegale».

Poi nel pomeriggio un partecipatissimo presidio al quale ha preso parte anche il sindacalista Aboubakar Soumahoro. Infine, i ragazzi hanno cercato di contattare il sindaco Sala tramite i social ed invitandolo a raggiungerli al liceo. Il primo cittadino ha risposto ai ragazzi, anch’egli via social, e li ha invitati ad incontrarlo questa mattina a Palazzo Marino alle 11.

 

In breve

Quanto tempo ancora passerà dall’ultimo concerto? Il grido d’aiuto dei live club

Una data simbolica. Il 27 febbraio. Già, perché un anno fa si procedeva alle prime chiusure dovute alla situazione...