27.1 C
Milano
16. 05. 2022 14:52

Vent’anni fa l’attacco alle Torri Gemelle. Il presidente della Casa della Cultura musulmana di Milano: «L’11 settembre ha rovinato la nostra vita»

L'11 settembre 2001 l'attacco alle Torri Gemelle: dopo vent'anni che cosa rimane di quell'evento epocale?

Più letti

Sono passati esattamente vent’anni da quell’11 settembre 2001: l’attacco alle Torri Gemelle, così inaspettato e inaudito, entrava in maniera indelebile nella storia. Nonostante sia trascorso il tempo di una generazione quelle immagini strazianti sono ancora così vivide negli occhi di tutti: le Twin Towers in fiamme, le sirene dei soccorsi che si mischiano alle grida di donne e uomini e quella gigantesca nube di polvere pronta a restituire al pubblico un triste spettacolo di morte.

Attacco alle Torri Gemelle: cosa rimane?

Vent’anni fa l’America veniva colpita al cuore, proprio in quella New York simbolo di un progresso che sembrava non volesse fermarsi. Dopo i giapponesi a Pearl Harbor nella seconda guerra mondiale, anche i terroristi islamici di Al Qaeda erano riusciti a colpire gli impenetrabili United States nel proprio territorio.

La risposta dell’amministrazione Bush fu durissima. L’Afghanistan già poche settimane dopo l’attentato si era trasformato in uno scenario di guerra: un conflitto durato vent’anni e concluso il mese scorso con il ritorno dei talebani al potere. Vent’anni di guerra che non sono stati capaci di cambiare lo status quo ed hanno restituito agli occhi del mondo solo morti e sfollati. Li iniziamo a vedere anche per le strade di Milano, città pronta come sempre ad accogliere e a dare il proprio contributo umanitario.

«L’11 settembre ha rovinato la vita ai musulmani perché sono stati i Paesi a maggioranza islamica a pagare per primi le conseguenze di quell’attentato con conflitti che hanno provocato sfollati e spinto tante persone ad emigrare in Occidente – ha dichiarato al Corriere, Benaissa Bounegab presidente della Casa della Cultura Musulmana di via Padova -. Oggi, a distanza di 20 anni dal crollo delle Torri Gemelle, le cose non sono cambiate e i musulmani sono ancora vittime di un’immagine “negativa” che viene alimentata da alcuni mass media e si è ormai insinuata nel cervello delle persone».

Mentre il mondo dei social si appresta a celebrare la ricorrenza con l’iniziativa “Dov’eri quel giorno?” sorge spontaneo chiedersi a distanza di vent’anni quale insegnamento abbia lasciato il crollo delle Twin Towers e quanto questo mondo sia realmente cambiato. Come avrebbe detto il buon Manzoni, “ai posteri l’ardua sentenza”.

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...