24.7 C
Milano
21. 07. 2024 00:52

I funerali di Giulia Tramontano in forma privata. A Milano spunta una panchina rossa in suo onore

La cerimonia si è svolta nel paese d'origine di Giulia. A Senago è stato proclamato il lutto cittadino, mentre a Milano è apparsa una panchina rossa davanti alla Regione Lombardia

Più letti

Domenica 11 giugno 2023, alle ore 15, si sono tenuti i funerali di Giulia Tramontano, la giovane uccisa dal proprio compagno, e del piccolo Thiago, il bimbo che la ragazza portava in grembo e che sarebbe dovuto nascere tra due mesi. Le esequie sono state in forma privata a Sant’Antimo, Comune in provincia di Napoli dove Giulia era nata e dove abitano tutt’ora i suoi genitori. A Senago è stato proclamato il lutto cittadino. Invece a Milano, davanti alla sede di Regione Lombardia, è stata installata una panchina rossa (simbolo della lotta alla violenza contro le donne) in suo onore.

I funerali di Giulia Tramontano

Venerdì sera la famiglia aveva comunicato i dettagli sui funerali di Giulia Tramontano. Essi si sono svolti oggi pomeriggio presso la parrocchia Santa Lucia e non erano aperti al pubblico o ai giornalisti. All’uscita della bara dalla chiesa c’è stato un lungo applauso e diversi palloncini bianchi in volo.

La scelta della cerimonia privata era arrivata in quanto si voleva evitare che chi conosceva e voleva bene a Giulia, in un momento così tragico e di dolore, venisse ripreso da telecamere e flash di fotografi. Il messaggio della famiglia della vittima era stato molto chiaro: «Si chiede la massima osservanza di tale volontà ad ulteriore riprova della vicinanza e dell’affetto che l’intera comunità ha già sentitamente dimostrato».

Funerali di Giulia Tramontano
Giulia Tramontano

Funerali Giulia Tramontano: il messaggio di Chiara

Chiara, la sorella di Giulia, sui social aveva inoltre scritto: «Grazie a tutti dell’affetto che ci avete dimostrato in questi giorni atroci. I vostri pensieri ci hanno inondato di amore e vicinanza. Ora però è il momento dell’ultimo saluto intimo e straziante a Giulia e Thiago e vorremmo viverlo insieme ai parenti e amici più stretti. Siamo certi che capirete perché in questi giorni avete dimostrato di saper vivere il nostro stesso dolore, operare il nostro stesso silenzio e commemorare Giulia con amore e rispetto».

Insieme al messaggio, la sorella di Giulia ha pubblicato sui social anche alcune fotografie di famiglia. Come sottofondo la canzone Senza ‘e te di Pino Daniele.

Il via libera per l’organizzazione dei funerali di Giulia Tramontano è arrivato venerdì, dopo che è stata eseguita l’autopsia sul suo corpo. Autopsia che ha evidenziato che la ragazza, incinta al settimo mese di gravidanza, è stata uccisa dal compagno Alessandro Impagnatiello con 37 coltellate.

Secondo le prime notizie emerse riguardo all’esame sul cadavere di Giulia, condotto dal professor Andrea Gentilomo, i primi due colpi sferrati da Alessandro Impagnatiello sono stati fatali. Nello specifico il primo ha reciso la carotide della giovane incinta, impedendole così di urlare. Il secondo invece è stato inflitto all’arteria succlavia, uccidendo, di fatto, la ragazza.

Intanto ci sono ancora molti punti da chiarire e momenti oscuri rispetto al racconto fatto dal killer, Alessandro Impagnatiello, barman di 30 anni che lavorava in un noto locale milanese. L’omicida ha più volte cambiato la versione dei fatti riguardo a quel famoso sabato sera in cui ha tolto la vita alla sua fidanzata e al bimbo che portava in grembo.

In breve

Il Municipio 1 vince il FantaMunicipio 2024, il presidente Abdu: «Tuteliamo le identità dei singoli quartieri»

Il FantaMunicipio di Mi-Tomorrow di quest’anno ha visto trionfare il Municipio 1 guidato dal 2021 dal presidente Mattia Abdu...