-1.1 C
Milano
19. 01. 2021 00:59

Milano, i negozi di quartiere fanno concorrenza ad Amazon

Un progetto a favore dei negozi di quartiere: l'alternativa all'e-commerce tutta milanese

Più letti

A Milano iniziano a fioccare le multe dopo la fronda dei ristoratori di #ioapro

I titolari e i clienti che hanno infranto le regole lo scorso venerdì aderendo alla campagna #ioapro non la...

Fontana: «Tra stasera e domani il ricorso. Sono convinto che la Lombardia sia arancione»

Il governatore Fontana torna ad attaccare il governo sulla questione zona rossa. «I nostri avvocati hanno predisposto il ricorso...

Prese in ostaggio una guardia giurata nel Duomo: l’esito della perizia psichiatrica

Mahmoud Elhosary, il 26enne che quest'estate, il 12 agosto scorso, fece irruzione al Duomo prendendo in ostaggio una guardia...

Certo comprare da Amazon è molto comodo, ma perché acquistarlo in rete se è possibile trovarlo anche nel piccolo negozio sotto casa? Partendo proprio da questa domanda nasce l’avventura di Erica Acosta e Stefano Colombo, una giovane coppia trapiantata a Milano. Nel 2019 hanno creato una pagina instagram, e poi un sito, dal nome “Shop local Milano“. L’obbiettivo? Mettere in rete i piccoli negozi di quartiere per donare loro nuova linfa.

La storia di due giovani innamorati degli angoli di Milano

Erica ha cominciato a costruire la propria pagina con i profili dei negozi da cui si serviva. Così, pian piano ha iniziato a coprire la zona di Porta Venezia, Città Studi, Nolo e Lambrate. Per incuriosire follower e lettori e convincerli ad andare in alcuni negozi, Erica e Stefano hanno fatto stampare delle borse di tela con scritto «Io acquisto nei negozi di quartiere» e le ha messe in palio con un concorso online. L’obbligo era poi di ritirare il premio in uno degli esercizi commerciali.

shop local milan

«Il commercio elettronico è comodo e conveniente, nessuno lo nega, ma se non ci si muove più di casa, neppure per cenare o per acquistare di persona, le città diventano luoghi fantasma. Volevamo far sapere alla gente quanti negozi ci sono sotto casa, quanta originalità e qualità si può trovare. È importante fare comunità — spiega Erica in un’intervista al Corriere —. L’ho capito nel 2018, mentre stavo organizzando il nostro matrimonio: dovevo acquistare le partecipazioni e stavo per ordinarle online. Poi mi sono fermata, ho riflettuto e sono scesa in cerca di una cartoleria. La titolare mi ha portato un vasto campionario e mi ha dato suggerimenti e consigli. Perché privarsi di questo valore aggiunto, se ce n’è la possibilità, a portata di passeggiata?»

Un servizio gratuito per supportare le piccole attività

Nel sito gli utenti, oltre a trovare tanti negozi di zona, troveranno descrizioni dettagliate e tanti suggerimenti ed idee. Nel frattempo Erica continua a girare negozi chiedendo la possibilità di scattare delle foto da inserire sul suo portale: lo fa gratuitamente. Anche questo è un modo per dare un po’ di respiro e speranza alle attività milanesi fiaccate, prima dal lockdown e poi dalla crisi economica.

In breve

Scuola, non solo i licei: zaini e striscioni contro la DAD anche alle medie

Zona rossa significa che gli studenti di seconda e terza media da oggi tornano a fare didattica a distanza....

Potrebbe interessarti