28.2 C
Milano
22. 05. 2022 18:49

Palazzo bruciato a Milano: le archistar si propongono gratis per il restauro

Quale futuro per la Torre dei Moro di via Antonini? 

Più letti

Novità per la Torre dei Moro in via Antonini, il famoso palazzo bruciato a Milano nell’agosto del 2021 che creò tanti disagi alle famiglie che abitavano negli appartamenti. La svolta, ora, è portata avanti da architetti famosi, come Stefano Boeri, Mario Cucinella, Alfonso Femia e Alessandro Scandurra, che si sono offerti gratuitamente al condominio per firmare i progetti preliminari per far partire il restauro del grattacielo. 

Palazzo bruciato a Milano, gli architetti famosi in soccorso della Torre dei Moro 

Novità, dunque, per il palazzo bruciato a Milano. Che non arrivano purtroppo dal Comune o dai suoi assessorati, come ci si potrebbe immaginare, ma da utenti privati. Architetti in questo caso, di fama internazionale, che hanno deciso di dare una mano alla Torre dei Moro e ai suoi condomini. Perché purtroppo l’iter per la ristrutturazione, come spesso accade in questo paese, procede molto a rilento, causa una macchinosa burocrazia tutta italica che vede in campo magistrati, perizie, assicurazioni e banche. 

torre dei moro imu
Incendio a Milano in via Antonini, il giorno dopo, foto Fotogramma

Stefano Boeri in prima linea

C’è anche Stefano Boeri, tra gli altri, in prima linea per provare a trovare una soluzione; perché è inaccettabile che le famiglie debbano aspettare tre anni (questo è quello che è stato loro comunicato) per rientrare nei rispettivi appartamenti. Senza dimenticare che questa torre si trova molto vicina a quello che sarà poi il villaggio olimpico a Milano-Cortina 2026, che sorgerà allo Scalo Romana: una rigenerazione della torre servirebbe anche come biglietto da visita internazionale fondamentale per la città. Assieme a Stefano Boeri, Presidente della Triennale e autore tra gli altri anche del Bosco Verticale, ci sono anche Mario Cucinella, che sta creando il grattacielo Unipol al quartiere Seimilano a Bisceglie, Alfonso Femia (Docks di Marsiglia e torre rossa Iulm a Romolo) e Alessandro Scandurra (Expo Gate e Uptown a Cascina Merlata tra gli altri). 

L’assenza del Comune

I condomini si dicono soddisfatti: «È molto positivo che progettisti di questo calibro abbiano preso a cuore la nostra causa, speriamo sia un volano per tutto il quartiere Sud — spiegano in una nota —. Non nascondiamo però una certa delusione per l’assenza di contatti da parte di istituzioni cittadine, culturali e del tessuto produttivo. Ci siamo sentiti abbandonati: si poteva organizzare un concerto di Natale con il Teatro alla Scala, con i Pomeriggi musicali o quant’altro…».

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...