21.8 C
Milano
26. 06. 2022 07:14

Condomini e transizione energetica: i consigli e gli esempi virtuosi in Italia

Più letti

Sentiamo spesso parlare di ambiente e di transizione energetica, con le energie rinnovabili che rappresentano oramai l’unica risposta attendibile per il presente e il futuro dell’umanità e del pianeta. Se da un lato molte case si stanno adattando, piano piano, dall’altro questo non vale ancora per i condominii, che invece risultano piuttosto indietro in questo processo. Con tutta probabilità perché non sanno come muoversi, dunque conviene approfondire una guida sul tema e un elenco degli esempi virtuosi dai quali prendere spunto.

I pannelli fotovoltaici in un condominio

Per prima cosa, chi desidera installare dei pannelli fotovoltaici in condominio può sfruttare le grandi opportunità di risparmio concesse dal superbonus al 110%. Naturalmente bisogna seguire tutte le regole imposte da questa facilitazione, per potervi avere accesso. Innanzitutto, chiunque può installare i pannelli solari, dunque anche i singoli proprietari, senza per questo dover coinvolgere l’intero stabile. In secondo luogo, è comunque opportuno procedere con cautela, nel caso l’installazione di questi sistemi dovesse coinvolgere alcune parti in comune del condominio. In tal caso conviene sempre consultare l’amministratore e studiare il da farsi.

Per quel che riguarda la tecnologia in sé, online è possibile informarsi riguardo tutte le specifiche dei pannelli fotovoltaici, consultando alcune pagine web che entrano nel dettaglio di questo argomento oggi molto attuale. In questa maniera si potranno approfondire i vantaggi dell’energia rinnovabile e del solare, anche da un punto di vista economico, insieme a specifiche come le dimensioni e le tecnologie utilizzate. Il consiglio è di provvedere all’installazione di questi pannelli, per via di un ulteriore vantaggio: la presenza del fotovoltaico aumenta (e non di poco) il valore economico di un condominio e di ogni sua unità abitativa, perché va ad aumentare la classe energetica dello stabile.

Gli esempi virtuosi di condominii green in Italia

Attualmente chi desidera trovare una fonte di ispirazione, per rendere realmente green il proprio condominio, può guardare alla città di Torino. Qui si trova infatti il Condominio 25, un mirabile esempio di architettura sostenibile, oltre che un autentico capolavoro per gli occhi. Si tratta di uno stabile che ha cercato di “convertirsi” in una foresta, con il verde a perdita d’occhio. Questo particolarissimo edificio residenziale attualmente non ha eguali in tutta Italia, anche per via del suo aspetto e delle sue forme, dovute ad uno stile architettonico speciale, che mixa modernità e vintage.

Nei piani di questo progetto, realizzato nel 2007, c’erano le intenzioni di creare una vera e propria “foresta abitabile”, ma sarebbe un grave errore limitarsi all’apparenza, perché il Condominio 25 regala anche tantissima sostanza. Nello specifico, una presenza così massiccia di verde provvede ad una produzione oraria di 150 litri circa di ossigeno. In altre parole, un condominio green con tali caratteristiche non solo diventa un autentico gioiello da ammirare, ma anche un supporto notevole per il benessere del pianeta e per la qualità dell’aria cittadina. Anche per via del fatto che una mole tale di ossigeno prodotto assorbe le emissioni nocive di CO2, filtrando il particolato. La speranza è che presto possano sorgere altri edifici come questo.

 

spot_img

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...