29.1 C
Milano
13. 07. 2024 20:43

Natale, la storia della festa più amata da grandi e bambini, cristiani e non: che cosa ricorre il 25 dicembre

Tutto è nato però in modo molto più religioso e meno consumistico di come siamo ormai abituati a pensare

Più letti

Il calendario dell’Avvento è stato completato: oggi è Natale e come ogni anno tutti, cristiani praticanti e non, sono pronti a celebrare la storia della Festa più amata da grandi e bambini in una giornata in cui quasi tutti sono a casa con i propri parenti per mangiare e scambiarsi regali. Tutto è nato però in modo molto più religioso e meno consumistico di come siamo ormai abituati a pensare.

Natale, la storia

Il Natale infatti da molti è associato a Babbo Natale e all’Albero ma tutto questo è arrivato molto dopo. Si tratta infatti prima di tutti della festa annuale che commemora la nascita di Gesù. Non a caso infatti per alcuni a portare i regali non è il famoso vecchio con la barba vestito di rosso ma proprio il “bambinello“. Secondo il Nuovo Testamento, il figlio di Dio in particolare nacque a Betlemme. Giuseppe e Maria passarono la notte in una stalla dove tra un bue e un asinello la Madonna diede alla luce Gesù Cristo.

natale a monza duomo

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Natale, non solo 25 dicembre

Il 25 dicembre è il giorno della nascita di Gesù per tutte le Chiese cristiane che seguono il calendario gregoriano, mentre cade il 7 gennaio (con un ritardo di tredici giorni) per quelle che seguono il calendario giuliano. Anche la Chiesa greco-ortodossa, con eccezione della Chiesa slava polacca e delle Chiese orientali (siriache o copte), si sono adeguate al calendario gregoriano, pur mantenendo il calendario giuliano per la loro tradizionale liturgia.

Natale, la festa popolare

Col passare dei secoli, questa festa religiosa si è trasformata in una molto più popolare ma comunque amatissima e carica di significati oltre che di doni. Tra Alberi, luci e Presepi, è spuntata la figura di Babbo Natale, oltre a quella di San Nicola, a seconda dei Paesi. Come detto si tratta ormai di una festa celebrata da tutti in modo decisamente comsumistico ma lo spirito originale in qualche modo rimane alla base, soprattutto per chi crede in Dio.

Natale, la messa a Milano

Particolarmente sentita in questo caso è la cosiddetta Messa di Mezzanotte, celebrata anche a Milano. Ieri sera, nel Duomo l’Arcivescovo, monsignor Mario Delpini, ha presieduto alle 23.30 la Veglia e alle 24 la solenne celebrazione. Per chi non fosse andato ieri sera in Duomo o in una delle altre chiese in cui si è celebrato il rito, oggi sarà giornata di precetto (e non solo perché è domenica): tra un regalo e l’altro, bisognerà andare a messa per onorare Gesù in quella che resta la sua giornata.

 

In breve

FantaMunicipio #38: mai come quest’anno Milano da numero uno, vince il Municipio 1

In una agguerrita edizione del FantaMunicipio è il Municipio 1, quello del centro storico, guidato dal presidente Mattia Abdu...