3.7 C
Milano
30. 11. 2020 09:26

Bonus bici, ci siamo quasi: servirà lo “scontrino parlante” per ottenere i rimborsi

Si è trovato un accordo sul documento necessario per richiedere il rimborso relativo al bonus bici: ora manca solo la piattaforma online del ministero

Più letti

Milano, il centro si riempie, ma le spese di Natale restano “timide”

L'ingresso in zona arancione ha offerto una nuova libertà ai milanesi, perlomeno in tema di circolazione senza autocertificazione per...

Bollettino regionale, diminuisce la pressione sugli ospedali: Milano, +386

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 3.203, di cui 287 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (28.434...

Le piste da sci svizzere sono aperte. I milanesi ci provano?

Di aprire le piste da sci in Italia proprio non se ne parla. Tutto sommato i vicini svizzeri le...

L’attesa per usufruire del fantomatico bonus bici potrebbe essere alle battute finali. Il ministero dell’Ambiente ed il Mit sembrano essere giunti ad un accordo sul documento da presentare per ottenere il rimborso, ovvero lo scontrino parlante. Dopodiché sarà però necessario attendere la messa in rete della piattaforma online prevista dal ministero, attraverso la quale si svolgeranno tutte le pratiche.

Le fasi. Il ministro dell’Ambiente Costa richiedeva che l’acquisto fosse dimostrato attraverso la fattura di pagamento, mentre il Mit dichiarava che fosse sufficiente solo lo scontrino. Secondo Costa però il semplice scontrino avrebbe lasciato campo libero ai “furbetti” che ne avrebbero potuto approfittare per far rientrare nel bonus anche altre attrezzature sportive.

L’accordo si è alla fine trovato con lo scontrino parlante, il documento che specifica la natura dei beni acquistati e riporta il codice fiscale del compratore.

Tempistiche. Quindi quando sarà effettivo il bonus bici? Restano alcuni passaggi: incassato l’ok del garante della Privacy, sarà la volta della vidimazione del testo al Mef e alla Conferenza unificata. L’obiettivo non dichiarato è di arrivare in Gazzetta entro 10 giorni. Dopodiché ci sarebbe altri 60 giorni per mandare online la piattaforma, ma dal dicastero fanno sapere che sarà sufficiente un mese.

Risorse. Un altro nodo da sciogliere è proprio quello dei fondi. Nel post lockdown c’è stata una vera e propria corsa alle due ruote, con notevoli apprezzamenti anche per i mezzi elettrici: in poche settimane sono andati in fumo 540 mila pezzi.

Per evitare di ritrovarsi a corto di risorse, il ministro Costa avrebbe “prenotato” al Tesoro lo stanziamento – con la prossima legge di Bilancio – di fondi retroattivi per coprire le eventuali domande scoperte.

 

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

La zona arancione non piace ai ristoratori: «Basta, siamo stremati. Torniamo in piazza»

Oggi riaprono i negozi, ma non ancora bar e ristoranti. «Basta, siamo stremati, senza ulteriori aiuti la ristorazione muore»,...

Bollettino regionale, diminuisce la pressione sugli ospedali: Milano, +386

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 3.203, di cui 287 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (28.434 oggi) e positivi che scende...

Le piste da sci svizzere sono aperte. I milanesi ci provano?

Di aprire le piste da sci in Italia proprio non se ne parla. Tutto sommato i vicini svizzeri le hanno già aperte. Ma è...

Milano si accende tra sobrietà e speranza: in arrivo le luminarie natalizie

Sobrietà e speranza, sono queste le due parole che caratterizzeranno le luminarie natalizie in città in occasione delle prossime festività. Una scelta voluta dall’Amministrazione,...

La zona arancione non piace ai ristoratori: «Basta, siamo stremati. Torniamo in piazza»

Oggi riaprono i negozi, ma non ancora bar e ristoranti. «Basta, siamo stremati, senza ulteriori aiuti la ristorazione muore», è il grido d’allarme rilanciato...

Potrebbe interessarti