6 C
Milano
01. 12. 2020 12:48

Scuola, si riparte: troppe cattedre vuote a Milano

La scuola riparte, ma ci sono ancora alcuni nodi da sciogliere: la situazione

Più letti

Mi consigli un lavoro… per Natale? Le offerte lavorative a Milano durante le feste

CEST LA VIE C2C (Gi Group), selezioni in corso per pacchettisti periodo natalizio C2C - Close To Consumer, società di Gi...

Paola Meacci, titolare di tre palestre vicino il cantiere M4: «Io non ho perso clienti»

Avere tre studi in città tutti in prossimità di cantieri di grandi dimensioni. Un record poco invidiabile per Paola...

Un vaccino per i più piccoli: uno spray al posto della puntura

«Il vaccino spray antinfluenzale potrà essere utilizzato in un'unica somministrazione e sarà esteso ai ragazzi fino a 10 anni»....

Finalmente si riparte! Dopo la chiusura prolungata imposta dal lockdown, le scuole milanesi riaprono. Tuttavia si prospetta una ripartenza in salita a causa di alcuni problemi ancora da risolvere.

Carenza di personale. Questa mattina gli alunni scopriranno quanti docenti sono stati già nominati nelle loro classi e quanti invece mancheranno all’appello. La brutta notizia è che potrebbero mancare per settimane.

Secondo i sindacati i numeri a Milano sarebbero drammatici: si parla di 10.000 posti vacanti. Non a casa le rappresentanze della scuola sono già sul piede di guerra e questa mattina andrà in scena un sit-in alle 12 davanti all’Ufficio scolastico Regionale in via Polesine.

I motivi della carenza di insegnanti sono da ricercare nei ritardi della pubblicazione delle graduatorie provinciali per le supplenze. Dovevano essere pubblicate il primo settembre, ma sono arrivate solo il 7 settembre. A tutto ciò si aggiungono gli errori nei calcoli delle graduatorie: a Milano erano giunte oltre 100.000 domande, ma si dovrà conteggiare nuovamente tutto. E chissà quanto bisognerà attendere.

ripartenza scuola milano

La cosiddetta “call veloce” istituita nelle settimane scorse per attirare insegnanti da fuori regione è stata un flop, come definita dallo stesso sindaco Sala: sono solo 56 le domande pervenute.

I trasporti. Altro problema che interesserà i primi giorni di scuola sarà la gestione dei trasporti pubblici. Nonostante gli ingressi scaglionati, uno studente su due farà il suo ingresso in aula tra le 7.45 e le 8.15, orario in cui si registrerà un picco mettendo a dura prova le capacità di trasporto dei mezzi limitate all’80%. Stesso discorso potrebbe verificarsi all’uscita quando il picco si concentrerà tra le 13.45 e le 14.

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

Da Sant’Ambroeus il “Panettone per Bene”: una nuova iniziativa solidale a Milano

Nasce il “Panettone per Bene”. Si tratta di un’iniziativa frutto della partnership tra la pasticceria Sant’Ambroeus Milano e l’associazione CAF, onlus che da...

Paola Meacci, titolare di tre palestre vicino il cantiere M4: «Io non ho perso clienti»

Avere tre studi in città tutti in prossimità di cantieri di grandi dimensioni. Un record poco invidiabile per Paola Meacci, titolare di “Benessere in...

Un vaccino per i più piccoli: uno spray al posto della puntura

«Il vaccino spray antinfluenzale potrà essere utilizzato in un'unica somministrazione e sarà esteso ai ragazzi fino a 10 anni». Lo ha annunciato l'assessore regionale...

Ristoranti e bar: i soliti “cornuti e mazziati”

Se la fine di novembre ha conciso per tanti milanesi con il ritorno ad una parvenza di normalità, grazie alla riapertura dei negozi, altrettanto...

Milano prepara guanti e cappello: in arrivo la prima nevicata della stagione

La colonnina di mercurio picchia verso il basso. Tra questa notte e domani, Milano attende la sua prima neve della stagione. Non resta che...

Potrebbe interessarti