17.3 C
Milano
27. 10. 2021 19:24

Torre dei Moro, il Comune stanzia dei fondi per aiutare le famiglie sfollate

Il Comune ha stanziato dei contribuiti straordinari per aiutare gli inquilini sfollati della Torre dei Moro: ecco a quanto ammontano

Più letti

Il Comune di Milano si mobilita per le famiglie sfollate della Torre dei Moro andata in fiamme lo scorso 29 agosto. Da Palazzo Marino arriveranno contributi straordinari, fino a 400mila euro, per i residenti del grattacielo brucio e di alcuni degli stabili limitrofi, ai civici 20, 32 e 36, i cui appartamenti sono stati danneggiati o resi momentaneamente inagibili.

Torre dei Moro, ecco a quanto ammontano i contributi del Comune

Un primo aiuto verrà riconosciuto a tutti: si tratta di un importo fino a 1.500 euro per sostenere le spese per le sistemazioni temporanee in albergo o altre strutture. A questi si aggiungono altri 500 euro per acquistare generi di prima necessità ed effetti personali. Dopodiché verrà attribuito un contributo mensile (fino a 5 mesi) a seconda della composizione del nucleo familiare.

Per quanto riguarda gli alloggi il Comune ha individuato per ora 400 immobili che potranno, in seguito ad alcuni accordi con le società proprietarie, essere affidati ai residenti ad un canone concordato. 40 di questi immobili sono già pronti, altri 100 arriveranno a novembre, mentre per i restanti bisognerà aspettare il 2022. Gli appartamenti sono messi a disposizione,

Infine, Palazzo Marino ha cercato di andare incontro alle esigenze delle famiglie della Torre dei Moro anche con la dilazione fino al 31 dicembre per la riscossione di quote contributive relative ai nidi d’infanzia/sezioni primavera e più in generale per le quote di contributo relative ai servizi erogati direttamente e non dal Comune di Milano. Sospeso anche l’invio degli avvisi relativi al tributo sui rifiuti per l’anno in corso.

 

 

In breve

Ddl Zan giunge alla fine, a darne il triste annuncio l’ironia di Taffo

Sulla prematura scomparsa del Ddl Zan dopo lo stop di oggi in Senato, causato dalla "tagliola" che ha ucciso...