1.3 C
Milano
27. 01. 2022 00:27

Milano, i saldi invernali partono col piede giusto: +10% nelle vendite

Il primo giorno dei saldi invernali fa registrare dati incoraggianti: la spesa media dei milanesi è stata di circa 125 euro

Più letti

La data dei saldi invernali a Milano non è certamente una novità. Come consueto gli sconti di fine stagione sono partiti il giorno prima dell’Epifania ovvero il 5 gennaio. Ma quanto senso ha parlare ancora di saldi invernali?

Saldi invernali, ma gli sconti partono molto prima

Gli sconti promozionali sono in alcuni casi già partiti. Basta pensare alla Rinascente di Milano che già ha inondato di SMS (il mezzo preferito dalle aziende dopo Whatsapp e mail) i propri clienti per annunciare i prezzi al ribasso dal 26 dicembre al 4 gennaio.

Inoltre, le tecniche di sconto vengono utilizzate tutto l’anno anche fuori dai periodi dei saldi invernali e quelli estivi. Periodicamente vengono organizzati i cosiddetti white weekend, in cui è possibile comprare al ribasso nel fine settimana, oppure i family days, un tempo offerte dedicate solo alle famiglie su prenotazione ed ora invece accessibili a tutti.

Data un offerta così ampia quanto senso ha ancora stabile dei periodi fissi per i saldi?

Gabriele Meghnagi, Confcommercio: «Senza saldi i grandi marchi mangerebbero i piccoli»

Gabriel Meghnagi saldi invernali
Gabriel Meghnagi

A questa domanda ha provato a dare una risposta Gabriele Meghnagi, presidente Reti Associative di Confcommercio: ««Sì, assolutamente, altrimenti i grandi gruppi “mangerebbero” i piccoli esercenti — aveva dichiarato al Corriere —. Non sono, però, d’accordo sul fatto che la data di riferimento sia il giorno prima dell’Epifania, non ha senso. I saldi dovrebbero partire il 27 dicembre perché, per il diritto al riposo, a Santo Stefano io lascerei tutti i negozi chiusi. Succede così anche in Francia, in Spagna, in Germania, in Inghilterra, non capisco l’ostinazione italiana: ieri, passeggiando per il centro, soltanto in corso Buenos Aires, 30 esercizi commerciali su 260 erano aperti e affollati. Ancora più fuori luogo è sicuramente la data dei saldi estivi programmata nel mese di luglio, sarebbe molto più logico anticiparla almeno alla metà di giugno».

Saldi invernali: un’ottima partenza

Nonostante la preoccupazione legata alla variante Omicron, i commercianti mantengono un cauto ottimismo: nel primo giorno di saldi si è registrato un +10% rispetto all’anno precedenti con un giro d’affari di circa 350 milioni di euro. A Milano lo scontrino medio per lo shopping è stato di circa 125 euro. Ora, occhi puntati sul fine settimana in cui si spera nel pienone nei negozi.

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...