8.3 C
Milano
05. 12. 2022 09:07

Monopattini a Milano: fanno paura, ma li usano tutti 

La Milano in 15 minuti, come quella voluta da Beppe Sala

Più letti

I monopattini a Milano fanno paura ma vengono utilizzati da moltissimi utenti. È questo, in estrema sintesi, il messaggio che filtra dai numeri che sono stati annunciati da Voi Technology, compagnia svedese che si occupa di micromobilità elettrica condivisa. Perché in meno di due anni di presidio sul territorio milanese, pendolari e turisti hanno percorso 1,5 milioni di chilometri a bordo di un monopattino elettrico in sharing dell’azienda. Con il 56% delle corse intermodali, ovvero ad integrazione di un percorso in tram, bus, metropolitana, treno o taxi.

Monopattini a Milano, i numeri di utilizzo 

Voi ha annunciato il superamento del traguardo del milione e mezzo di chilometri percorsi sui suoi monopattini in sharing a Milano in meno di due anni. E questo annuncio è arrivato a corredo della presentazione del progetto “Città fatte per essere vissute” che la società svedese sta realizzando in tutta Europa grazie allo sviluppo delle sue proposte di integrazione alle piattaforme MaaS. 

La situazione della micromobilità a Milano  

Oggi Milano è la 100° città più trafficata al mondo nonostante sia la 372° città e la 67° area metropolitana per popolazione. Ciò significa che il traffico di Milano è quasi 4 volte più congestionato del necessario. Per un itinerario che richiederebbe 30 minuti di tempo, a Milano ne richiede mediamente 38. 5 giorni e 3 ore è la quantità di tempo che, ogni anno, ogni cittadino milanese trascorre imbottigliato nel traffico cittadino. Nella vita media di una persona (80 anni) e considerando la sua vita lavorativa (45 anni) si tratta di perdere circa 229 giorni di vita, ovvero circa sette mesi e mezzo bloccati nel traffico.

monopattini elettrici a milano
monopattini

Come la Milano in 15 minuti voluta da Beppe Sala 

“Se non ora, quando? – commenta Magdalena Krenek, General Manager Voi Technology Italia – realizzare una Milano in 15 minuti è possibile fin da ora. Voi è in prima linea con soluzioni ad hoc per le aziende del trasporto pubblico urbano, in modo da aumentare l’utilizzo dei trasporti condivisi: dalla metropolitana al monopattino, passando per i bus e i tram fino ai taxi. I risultati dei progetti che abbiamo effettuato a Berlino, Helsinki e Stoccarda parlano chiaro: un’integrazione dei servizi di micromobilità elettrica condivisa aumenta anche la vendita dei biglietti per il servizio di trasporto pubblico – fino al +35%. Siamo pronti a effettuare progetti concreti anche a Milano, per creare una ‘città fatta per essere vissuta’, libera dalla dipendenza dall’auto privata».

In breve

FantaMunicipio #12: Ied e Politecnico avanti tutta in città

Sono le università come Ied e Politecnico- e i progetti ad esse correlate - a spingere Milano in una...