27.7 C
Milano
18. 05. 2022 21:20

“Gli anni più belli”, opera prima per d’Amico De Carvalho

Grande lavoro sul cast per il film del regista italiano

Più letti

“Gli anni più belli”, tra commedia e satira

Estate, 1994. Un nuovo governo è da poco salito al potere ed Elena (Romana Maggiora Vergano), 17 anni, amante dei Nirvana e pasionaria in erba non vede l’ora di farlo cadere. Purtroppo per lei i suoi genitori hanno altri programmi. Il padre (Ninni Bruschetta), burbero insegnante di greco, e la madre (Maria Grazia Cucinotta), paziente mediatrice, si trascinano una consuetudine dagli anni Settanta: saltare in macchina e recarsi sempre nello stesso identico campeggio…

Un racconto di formazione tra commedia e satira: così possiamo definire Gli anni belli, opera prima di Lorenzo d’Amico De Carvalho. Una generazione in cerca di rivoluzione immersa in un anno spartiacque, il 1994, quando il Paese sembrava sul punto di spiccare il volo. C’è qualche scelta non eccezionale in fase di scrittura, in termini di forzature, ma c’è grande voglia di coinvolgere lo spettatore, lanciando messaggi importanti: ognuno di noi si può identificare in determinate situazioni, cercando – attraverso una risata – di trovare una soluzione alle proprie domande. Grande lavoro sul cast.

Già in sala

Paese: Italia

Durata: 100 minuti

Regia: Lorenzo d’Amico de Carvalho

Genere: commedia

Voto: 6,5

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...