22.1 C
Milano
22. 06. 2021 10:52

Nasce Radio Parenti, la regista Shammah: «Ricostruiamo la nostra comunità»

Insieme alla nuova stagione estiva c'è Radio Parenti, l'ultima sfida di Andrėe Ruth Shammah: «Siamo in cerca di un pubblico nuovo, come tutti i teatranti spaesati dopo tanta incertezza»

Più letti

Un teatro tutto da ascoltare: nasce così Radio Parenti, l’emittente radiofonica online – già attiva su parentionair.it – del Teatro Franco Parenti, fortemente voluta dalla direttrice Andrėe Ruth Shammah. «La radio viaggia con la voce – commenta – è la parola che accende la fantasia, che invita all’ascolto. Il teatro è più forte della pandemia e la radio è amica del teatro, non lo sostituisce ma ne amplifica la prospettiva».

Si può sostenere il progetto attraverso una donazione (da dieci euro in poi) che permetterà poi a chi dona di accedere al beneficio fiscale di Art Bonus.

Radio Parenti, Shammah: «Una nuova forma di divulgazione teatrale»

In cosa consiste il progetto?
«Si tratta di una radio gratuita per tutti, una nuova forma di divulgazione teatrale. L’offerta consiste in produzioni originali e riprese di archivio che vanno a coprire un palinsesto giornaliero di radiodrammi, interviste, rubriche, raccontati direttamente da voci illustri del teatro, come Lella Costa, Giorgio Albertazzi, Luigi Lo Cascio e Lino Guanciale, solo per citarne alcuni. Per noi è una nuova evoluzione, reinventarsi è difficile ma anche appassionante».

Riparte anche la stagione in sala.
«Abbiamo scelto un palinsesto di spettacoli – da giugno a settembre – di teatro di vita pronto a catalizzare un aspetto maggiormente interiore di questa città. Bisogna ricostruire quella comunità che si è rotta: Milano ha sempre dimostrato di avere la capacità di rinascere più di altre città».

Le novità?
«Apriamo oggi alla Sala Grande con Il Filo di Mezzogiorno insieme alla coppia Finocchiari-De Francesco con la regia di Mario Martone, mentre ai Bagni Misteriosi avremo due serate in compagnia di Beppe Severgnini (La cura delle parole, 1 giugno) ed Alessandro Haber (Restiamo in contatto, 8 giugno). Tutto il calendario completo è sul nostro sito».

Verso quale direzione viaggia oggi il teatro italiano?
«Sconfina oltre tutte le certezze: siamo in cerca di un pubblico nuovo, come tutti i teatranti spaesati dopo tanti mesi di silenzio ed incertezza lavorativa. Il mio mestiere da direttore artistico richiede anche questo, saper parlare in varie direzioni senza dimenticare di appassionare il pubblico».

In breve

A Milano un giardino in memoria di Nilde Iotti

Alla presenza dell’assessore alla Cultura Filippo Del Corno, del Presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolé e dell’assessora alla Cultura...