3.4 C
Milano
10. 12. 2022 08:55

Pendolari, altra mazzata: addio al Saronno-Milano Centrale 

Questi sono lavoratori di Serie B?

Più letti

Il collegamento diretto da Saronno a Milano Centrale, via Bovisa e Porta Garibaldi, verrà cancellato definitivamente a partire dal 2024. È questa la triste realtà che vede coinvolti centinaia di lavoratori pendolari che, ogni, giorno, dalla provincia di Varese e precisamente da Saronno si recano verso Milano e il suo principale snodo ferroviario per raggiungere il proprio posto di lavoro o, magari, agganciarsi ad un altro treno che li porta in giro per l’Italia e non solo. 

Addio al Saronno-Milano Centrale, l’allarme del Comitato Viaggiatori 

Ad annunciare la decisione presa da Regione Lombardia è stato il Comitato Viggiatori TPL Nodo di Saronno: «Regione Lombardia – si legge – con la sua Deliberazione XI/7032 del 26 settembre 2022, in particolare con l’allegato tecnico alla Delibera, paragrafo 4.1, ha finalmente comunicato ufficialmente quello che già da anni si prevedeva e temeva: l’eliminazione, dal 2024, del collegamento diretto da Saronno a Milano Centrale, via Bovisa e Porta Garibaldi».

I pendolari non ci stanno 

Il Comitato Viaggiatori TPL Nodo di Saronno è guidato da Andrea Mazzucotelli e svolge un lavoro enorme, visto che quotidianamente segnala malfunzionalità, cambi di tragitto e tutto quello che riguarda il traporto pubblico locale lombardo che coinvolge ovviamente il nodo di Saronno e la sua stazione: «La relazione Milano Centrale-Malpensa sarà re-instradata via Rho e Gallarate, tagliando fuori Saronno – chiarisce Mazzucotelli – Come chi frequenta i nostri treni ben sa, il collegamento per Centrale ha una importante rilevanza per il traffico regionale e pendolare, ma anche per i collegamenti con la rete nazionale, e sarebbe estremamente irresponsabile eliminarlo senza adottare una strategia alternativa». 

Malpensa Express in transito sulla linea Saronno-Milano Centrale
Malpensa Express in transito sulla linea Saronno-Milano Centrale

L’appello a Regione Lombardia 

Da viaggiatore, poi, lancia un monito a chi gestisce il trasporto pubblico locale: «Regione Lombardia è consapevole, ha valutato cosa sta facendo? È stata valutata un’alternativa da attuare entro il 2024? Qualcuno da Regione può cortesemente farci sapere quale sia questa strategia, qualora esistesse?». Nel documento condiviso si parla del 2024 per far passare l’attuale linea Saronno-Milano Centrale dalla variante di Gallarate-T2, ma per fare lo spostamento del Malpensa Express serve quadruplicare la linea Rho-Parabiago, quindi la scadenza potrebbe essere 2024-2030. Di certo, dopo l’addio al “trenino della Comasina”, un’altra mazzata per i pendolari.

In breve

FantaMunicipio #13: da orti abusivi a spazi verdi. La nuova classifica

Un paio di sopralluoghi per gli spazi verdi in città hanno ridato attenzione a due aree della città su...