4.8 C
Milano
29. 01. 2022 00:11

Sciopero per il clima: vernice nera e armi finte davanti all’Unicredit

Il gesto simbolico degli attivisti contro il coinvolgimento delle banche nell'industria bellica e in quella fossile

Più letti

Il serpentone di Fridays For Future partito questa mattina da piazza Cairoli ha raggiunto piazza Thomas Edison dove i giovani attivisti hanno versato vernice nera e sparso armi finte davanti alla sede dell’Unicredit.

Il gesto contro il ruolo delle banche nella crisi climatica

Muoversi in bicicletta e fare la differenziata a volte non basta per lottare contro la crisi climatica. Soprattutto quando si tratta di investimenti. Gli istituti di credito sono infatti sempre di più al servizio delle aziende belliche italiane. I maggiori gruppi bancari coinvolti nelle maggiori operazioni per esportazioni di sistemi militari sono Unicredit, Deutsche Bank e Intesa Sanpaolo. Ed è proprio davanti alla sede dell’Unicredit, e agli sguardi sbigottiti degli impiegati, che i manifestanti hanno compiuto il gesto simbolico. Un’azione per ricordare e sottolineare – come già lo scorso 1 aprile aveva fatto Extinction Rebellionil ruolo delle banche non solo nelle questioni belliche, ma anche in sostegno all’industria fossile. Nell’ultimo anno, hanno aumentato del 34% i loro investimenti nella ricerca ed estrazione di petrolio e gas nell’Artico e del 134% nella ricerca ed estrazione di petrolio e gas offshore.

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...