6 C
Milano
01. 12. 2020 12:49

Il domani di Milano tra novità e assuefazione

Il cortocircuito tra il nuovo e il vecchio a cui siamo abituati ci porta ad avere una percezione che può essere molto diversa dalla realtà

Più letti

Mi consigli un lavoro… per Natale? Le offerte lavorative a Milano durante le feste

CEST LA VIE C2C (Gi Group), selezioni in corso per pacchettisti periodo natalizio C2C - Close To Consumer, società di Gi...

Paola Meacci, titolare di tre palestre vicino il cantiere M4: «Io non ho perso clienti»

Avere tre studi in città tutti in prossimità di cantieri di grandi dimensioni. Un record poco invidiabile per Paola...

Un vaccino per i più piccoli: uno spray al posto della puntura

«Il vaccino spray antinfluenzale potrà essere utilizzato in un'unica somministrazione e sarà esteso ai ragazzi fino a 10 anni»....

Il modo di muoversi in città era già iniziato a cambiare negli ultimi anni. La pandemia ha però accelerato in misura notevole una tendenza in atto, con numeri che sono cresciuti improvvisamente. Così, a Milano, invece che abituarci gradualmente, siamo stati travolti dalla novità, in un salto temporale e visivo di grande impatto.

Il domani di Milano tra novità e assuefazione

Tutto ciò che è novità ci rende più attenti, più scrupolosamente critici, perché ci accorgiamo subito di ciò che non funziona in ciò che è inedito.

Monopattini. Da qualche mese ormai impazza la polemica contro monopattini, bici e piste ciclabili. Ci accorgiamo di ogni manovra pericolosa o comportamento scorretto di chi è alla guida di questi mezzi. Ed è pur vero che questi comportamenti scorretti ci sono. Ma perché ce ne accorgiamo di più, per esempio, di quelli degli automobilisti, che sono in misura uguale se non maggiore?

Assuefatti. Perché al vecchio siamo assuefatti: siamo assuefatti all’automobilista che parcheggia sul marciapiede o sulla pista ciclabile, siamo assuefatti a chi taglia le curve senza guardare se dietro arriva un ciclista, siamo assuefatti a chi sgasa e sorpassa quando cento metri dopo c’è un semaforo rosso o a chi parcheggia rendendo impossibile il passaggio di carrozzine e passeggini.

Bisogni. Il cortocircuito tra il vecchio e la novità a cui siamo abituati ci porta ad avere una percezione che può essere molto diversa dalla realtà. È evidente che nel futuro di Milano serviranno regole nuove, correttivi, misure che rendano la convivenza stradale (che è una parte importante del nostro tempo speso in città) equilibrata.

Consapevolezza. Ma bisognerebbe anche tornare ad avere più consapevolezza del fatto che molti comportamenti sbagliati lo sono ancora, anche se siamo talmente abituati da non farci quasi più caso.

incidente monopattino milano
incidente monopattino milano

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

Da Sant’Ambroeus il “Panettone per Bene”: una nuova iniziativa solidale a Milano

Nasce il “Panettone per Bene”. Si tratta di un’iniziativa frutto della partnership tra la pasticceria Sant’Ambroeus Milano e l’associazione CAF, onlus che da...

Paola Meacci, titolare di tre palestre vicino il cantiere M4: «Io non ho perso clienti»

Avere tre studi in città tutti in prossimità di cantieri di grandi dimensioni. Un record poco invidiabile per Paola Meacci, titolare di “Benessere in...

Un vaccino per i più piccoli: uno spray al posto della puntura

«Il vaccino spray antinfluenzale potrà essere utilizzato in un'unica somministrazione e sarà esteso ai ragazzi fino a 10 anni». Lo ha annunciato l'assessore regionale...

Ristoranti e bar: i soliti “cornuti e mazziati”

Se la fine di novembre ha conciso per tanti milanesi con il ritorno ad una parvenza di normalità, grazie alla riapertura dei negozi, altrettanto...

Milano prepara guanti e cappello: in arrivo la prima nevicata della stagione

La colonnina di mercurio picchia verso il basso. Tra questa notte e domani, Milano attende la sua prima neve della stagione. Non resta che...

Potrebbe interessarti