4 C
Milano
21. 01. 2022 18:27

Nuovo San Siro: vertice Comune-Milan-Inter, i nodi da sciogliere

Filtra ottimismo, ma qualcosa ancora va discusso

Più letti

Nuovo incontro venerdì 29 ottobre tra il Comune di Milano e le società Milan e Inter per discutere del futuro del nuovo San Siro. Un nuovo meeting che arriva a pochi giorni dal precedente, andato in scena nella giornata di lunedì, e che quindi fa ben sperare per l’eventuale riuscita positiva dello stesso.

Nuovo San Siro, secondo incontro tra le parti, i punti da trattare 

Di certo, però, le parti dovranno dialogare in modo approfondito e trattare soprattutto quattro macro punti, che sono alla base del futuro, o meno, del nuovo San Siro. I temi principali riguardano le volumetrie, il recupero del Meazza, il progetto in sé e l’impatto delle demolizioni sul circondario e sul Comune stesso. Temi che, una volta trovato l’accordo, potrebbero non essere più ostacolo alla buona riuscita del progetto; senza dimenticare che da più parti si era ipotizzato di utilizzare il nuovo San Siro anche per le Olimpiadi di Milano-Cortina 2026, quale sede di cerimonie di apertura o chiusura o, in alternativa, addirittura come possibile villaggio olimpico.

Le volumetrie del nuovo impianto e il recupero del Meazza

Ritardo alle volumetrie, vale a dire la superficie del progetto del nuovo San Siro, si era partiti da 0,64 e ora si è scesi a 0,51, mentre nell’area indicata l’indice è di 0,35 e il Comune punta a quello. Una superficie del progetto che comunque garantirebbe ben 145mila metri quadri al nuovo impianto, ampiezza che potrebbe essere sufficiente per accontentare le due società, ma non è detto che la giunta non possa fare uno strappo alla regola con una delibera ad hoc. 

Piu complesso il capitolo relativo al recupero dell’attuale stadio Giuseppe Meazza. Il nuovo studio prevederebbe la demolizione del primo anello e la copertura del terzo, mentre verrebbero mantenute le rampe elicoidali del secondo e la fronte orientale. L’obiettivo è far diventare l’impianto una grande struttura museale e fornirlo di uno spazio per attività all’aperto e al chiuso. Si stimano fino a 3.500 posti di lavoro e una rigenerazione importante dell’area urbana, progetto già riconosciuto dalla Giunta Comunale nel 2019 di pubblico interesse.

Il nuovo San Siro e le demolizioni di quello attuale 

Il nuovo San Siro sarà uno stadio da 60mila posti, di cui 12.500 premium, e avrà un costo di 650 milioni di euro per tre anni di lavori. A giorni si deciderà, inoltre, quale sarà il progetto vincente: la scelta dovrà essere fatta tra quello di Populous, definito «a cattedrale», e quello di Manica, «ad Anelli, ne uscirà vincitore. Dal cantiere  della costruzione dello stesso dovrebbero uscire 754mila metri cubi di materiale da scavo, per cui l’area sarà sottoposta al passaggio di oltre 70mila camion per oltre 153mila viaggi. Una grande attenzione sarà quindi posta sulla questione delle polveri sottili.

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...