27.9 C
Milano
20. 07. 2024 23:52

Industria dei meeting: Milano dietro solo a Roma

Italia terza al mondo nella classifica generale

Più letti

Il settore dell’industria dei meeting sta attualmente vivendo una fase di ripresa sia in Italia che nel resto del mondo. Il 2022 si presenta come l’anno di svolta, poiché le restrizioni sono state completamente abolite e gli eventi in presenza sono tornati a pieno regime. Analizzando i congressi e i convegni, i dati sono estremamente positivi. Dopo due anni di assenza, l’International Congress and Convention Association (ICCA) ha finalmente pubblicato la classifica dei paesi e delle città che hanno ospitato il maggior numero di congressi e convegni nel 2022. Un risultato che vede l’Italia raggiungere il terzo posto, superando Germania, Francia e Regno Unito e posizionandosi solamente dietro Stati Uniti e Spagna. Questo rappresenta un notevole salto in avanti rispetto al sesto posto ottenuto nell’ultima classifica del 2019, l’ultimo anno prima della pandemia. In totale, sono stati ospitati 690 incontri negli Stati Uniti, 528 in Spagna e 522 in Italia, avvicinandoci sempre di più ai numeri del 2019, quando i convegni sono stati 550. 

Industria dei meeting, Milano lontana dal podio 

Inoltre, se analizziamo la classifica delle città, Vienna guida il ranking con 162 eventi congressuali, seguita da Lisbona con 144 incontri e Parigi che si è classificata terza con 134 eventi. Roma si è posizionata al 14° posto con 79 eventi congressuali e Milano all’18° con 66. È interessante notare come diverse città italiane, oltre alle metropoli, come ad esempio Bologna, Firenze e Torino, si siano posizionate anche loro nei primi posti della classifica. Claudio Honegger, amministratore unico di Richmond Italia, azienda specializzata nell’organizzazione di eventi e forum B2B, ha commentato: «Il terzo posto dell’Italia nella classifica mondiale è un chiaro segnale di come il mercato degli eventi si sia ormai ripreso completamente dalle conseguenze della pandemia. Questa ripresa è stata innescata anche dalla volontà delle persone di tornare a incontrarsi di persona. Richmond Italia ha programmato undici eventi tra settembre e novembre dell’anno corrente, che copriranno una varietà di argomenti, tra cui il mondo della logistica, del mercato dell’e-commerce e dell’energia. Inoltre, un appuntamento importante per il 2024 sarà il forum sull’intelligenza artificiale che ci permetterà di esplorare questa nuova frontiera destinata a rivoluzionare il mondo degli affari». 

Claudio Honegger Amministratore Unico Richmond Italia
Claudio Honegger Amministratore Unico Richmond Italia

Industria dei meeting, il 2019 è ancora lontano

Guardando al settore degli eventi nel suo complesso, le prospettive sono positive. Secondo i dati rilevati dall’Osservatorio Italiano dei Congressi e degli Eventi (OICE), nel 2022 l’industria dei meeting italiana ha registrato una solida ripresa, con il recupero di oltre il 70% degli eventi realizzati nel 2019, l’anno di riferimento pre-pandemico. Il divario con il 2019 non è ancora stato completamente colmato a causa della persistenza dell’emergenza Covid-19 e dell’invasione russa in Ucraina, ma in Italia sono stati organizzati complessivamente 303.689 congressi ed eventi business nel corso dell’anno, rappresentando un aumento del 251,3% rispetto al 2021. Il Nord Italia ha ospitato il 59% degli eventi, seguito dal Centro con il 24,4%, il Sud con il 10,4% e le isole con il 6,2%. 

Aumenta il fatturato, con l’obiettivo pre pandemia

Secondo l’Osservatorio Italiano dei Congressi e degli Eventi, i primi sei mesi del 2023 fanno ben sperare che entro la fine dell’anno il divario con il 2019 sarà colmato e non è escluso che si possa superare il livello pre-pandemico. Le prospettive per il fatturato sono positive, con il 52,7% delle sedi che hanno partecipato alla rilevazione prevedendo un aumento del fatturato complessivo per il 2023 rispetto al 2022, mentre il 41,6% prevede un fatturato stabile. In questo quadro si inserisce la città di Milano, che punta sempre di più ad una dimensione europea agevolando, di fatto, l’approdo in città di grandi eventi. Un dato certo è che chiunque voglia iniziare un percorso di messa in mostra del proprio prodotto non può prescindere dall’organizzare un evento, un meeting o comunque una presentazione nella città di Milano.

In breve

Il Municipio 1 vince il FantaMunicipio 2024, il presidente Abdu: «Tuteliamo le identità dei singoli quartieri»

Il FantaMunicipio di Mi-Tomorrow di quest’anno ha visto trionfare il Municipio 1 guidato dal 2021 dal presidente Mattia Abdu...