25.9 C
Milano
14. 06. 2021 01:14

L’antica Pasticceria Giovanni Cova & C. prepara le festività nel segno di Raffaello

Natale insieme al maestro del Rinascimento italiano

Più letti

Il 2020 si era aperto con l’intenzione di celebrare i 500 anni dalla morte di Raffaello, il genio del Rinascimento, ma le mostre programmate all’inizio dell’anno hanno chinato la testa di fronte all’emergenza sanitaria.

L’antica Pasticceria Giovanni Cova & C. prepara le festività nel segno di Raffaello

A Milano sono conservati due capolavori assoluti dell’artista – il cartone preparatorio de “la Scuola di Atene” e lo “Sposalizio della Vergine” – e l’antica Pasticceria Giovanni Cova & C. ha pensato di celebrarli per le festività natalizie, con una linea di panettoni dove i capolavori del grande maestro prendono vita negli incarti dei dolci natalizi.

Arte Bella e Buona

Andrea Muzzi, AD Giovanni Cova & C celebra Raffaello
Andrea Muzzi, AD Giovanni Cova & C celebra Raffaello

Un’iniziativa resa possibile grazie alla collaborazione con la Pinacoteca Ambrosiana e la Pinacoteca di Brera. In ogni singola confezione, in regalo un libro con la descrizione delle opere realizzato a cura delle due pinacoteche milanesi, insieme a sei coupon di sconto del valore di 30 euro complessivi, utilizzabili per l’ingresso alle mostre da dicembre 2020 a giugno 2021; un’azione destinata a fare da apripista nel rilancio del sistema culturale ed artistico nazionale post Covid.

«La pandemia ha stravolto i nostri programmi – spiega Andrea Muzzi, AD di Giovanni Cova & C. – possiamo ancora riappropriarci dei piaceri della vita e pensare a come valorizzare le eccellenze e i talenti italiani attraverso l’arte pasticcera, anche in questo momento storico difficile».

Gli fa eco Mons. Marco Ballarini, Prefetto dell’Ambrosiana, che da oltre 400 anni conserva il meraviglioso Cartone: «Il 2020, dedicato all’anniversario di Raffaello, diventa un’occasione per affiancare la Pinacoteca di Brera, custode di un’altra preziosa tavola del Maestro di Urbino. Con modalità̀ innovative arte, cultura e tradizione trovano modo di raccontarsi a vicenda, narrando insieme le meraviglie che Milano sa offrire».

«Questa collaborazione è una vicenda profondamente “milanese” – riconosce James Bradburne, Direttore Pinacoteca di Brera – da una parte perché pone Brera in contatto con la storia dell’arte pasticcera cittadina, dall’altra per consentire al museo di collaborare con un altro luogo nevralgico della cultura milanese, la Pinacoteca Ambrosiana».

da sinistra Mons. Rocca, James Bradburne e Andrea Muzzi
da sinistra Mons. Rocca, James Bradburne e Andrea Muzzi

In breve

Esce “Ghettolimpo” e gli avatar di Mahmood conquistano Milano

Mahmood si prepara ad un nuovo successo con l'album "Ghettolimpo"uscito pochi giorni fa. Per promuovere l'ultima fatica discografica del...