2.8 C
Milano
05. 12. 2020 10:10

Un po’ enoteca, un po’ cucina: alla scoperta del Cicchetto di Simone De Santi

Ex bartender dello Spirit de Milan quando a 40 anni ha deciso di mettersi in proprio, Simone ha cercato di mettere su qualcosa che a Milano non ci fosse ancora

Più letti

Treni stracolmi e nessun distanziamento: l’odissea dei pendolari verso Milano

La giornata di ieri si è contraddistinta per il ritorno dei ritardi sulle linee ferroviarie. Era ormai da tempo,...

Vaccini antinfluenzali, Fontana scrive alla Procura: «I miei dirigenti temono le vostre inchieste»

Sembra un paradosso, ma non è nient'altro che realtà. Il governatore Fontana scrive alla Procura per l'acquisto dei tanti...

Bollettino regionale, continua la discesa tra i reparti ospedalieri: Milano, +580

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 4.533, di cui 453 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (42.276...

Si chiama Cicchetto ed è un locale orgogliosamente rivendicato da Simone De Santi, che lo ha aperto a dicembre, come bottega di quartiere.

Un po’ enoteca, un po’ cucina: alla scoperta del Cicchetto di Simone De Santi

Messosi in proprio, Simone ha cercato di creare qualcosa che a Milano non ci fosse ancora. Cicchetto – un po’ enoteca con 50 etichette di piccoli produttori, un po’ cucina con dodici cicchetti in carta, un po’ bottega e un po’ cocktail bar – è stata la sua risposta al desiderio di non replicare un format già visto.

cicchetto
cicchetto

Siamo in via Hayez al 13, a Città Studi, e chi entra da Cicchetto si sente a casa. Sarà per l’arredamento che ricorda quello di un appartamento degli anni 50, sarà per la cordialità che non è inficiata da mascherina e distanziamento sociale, sarà per la cucina che condensa in carta una serie di assaggi della tradizione italiana da affiancare a un bicchiere di vino o a un cocktail.

«La nostra accezione di Cicchetto è doppia e si rifà sia alla tradizione veneziana del piattino, sia a quella milanese in cui il cicchetto è da bere», spiega De Santi che omaggia la cucina veneta con il Baccalà mantecato e le Sarde in saòr del Cogo, e quella milanese con un risottino saltato allo zafferano con gremolada e ossibuco, i mondeghili e il tuorlo d’uovo panato e fritto.

«La nostra è una proposta smart dedicata a chi desidera gestire il proprio tempo come meglio crede e può decidere di prendere un bicchiere di vino o un cocktail accompagnato da uno o più cicchetti, oppure farli diventare una portata. Un espediente nato durante il lockdown per la gastronomia in delivery», continua De Santi che per i piatti in carta si è affidato alla consulenza esterna di alcuni chef e di mammà che firma parmigiana e pastiera.

In breve

Dalla Bicocca un algoritmo per stabilire chi dovrà fare per primo il vaccino anti-Covid

Chi farà per primo il vaccino anti-Covid? A stabilirlo potrebbe essere un algoritmo capace di indicare nomi e cognomi...

Vaccini antinfluenzali, Fontana scrive alla Procura: «I miei dirigenti temono le vostre inchieste»

Sembra un paradosso, ma non è nient'altro che realtà. Il governatore Fontana scrive alla Procura per l'acquisto dei tanti chiacchierati vaccini antinfluenzali. Il motivo?...

Bollettino regionale, continua la discesa tra i reparti ospedalieri: Milano, +580

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 4.533, di cui 453 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (42.276 oggi) e positivi che sale...

Il manifesto sul portone del sindaco. Sala: «Non do torto agli studenti»

Un manifesto rosso con scritto «A Natale regalate la scuola».  Ecco cosa si è trovato davanti casa sua questa mattina il sindaco Sala, il...

Movida Delivery, dal maritozzo del maestro Massari all’aperitivo di qualità

Con i ristoranti chiusi, non resta che ordinare le prelibatezze offerte da Milano direttamente a casa. Ecco la selezione di Mi-Tomorrow dei migliori delivery. SAPORI...

Potrebbe interessarti