22 C
Milano
07. 08. 2020 06:33

Spopola online Gorilla di Nico Arezzo: «Quella scintilla al Forum…»

Parla il figlio d'arte e giovane promessa del cantautorato italiano

Più letti

Desecretati gli atti del Cts: nonostante il comitato chiedesse misure differenziate per regioni, Conte decretò il lockdown

Da giorni le opposizioni al Governo e il Copasir chiedevano che fossero desecretati gli atti riguardanti il Cts prodotti...

Bollettino regionale, superati i 25.000 casi nella provincia meneghina dall’inizio della pandemia: Milano, +7

Continuano ad aumentare i guariti e dimessi (+208), e in provincia di Lodi e Sondrio non si registrano nuovi...

Rossana Casale, Grazia di Michele e Mariella Nava: “Cantautrici” pronte ad incantare l’Arena Milano Est

Il 30 agosto le "Cantautrici", Rossana Casale, Grazia di Michele e Mariella Nava calcheranno il palco dell'Arena Milano Est....

Dopo aver vinto il Festival Show nel 2017 e sfiorato la partecipazione ad X Factor Italia nello stesso anno, il ritorno di Domenico “Nico” Arezzo è segnato dall’energica Gorilla, primo singolo dell’album di debutto – in uscita dopo l’estate – del giovane cantautore siciliano, figlio d’arte dal forte seguito su web e social.

 

Nico Arezzo, che successo con Gorilla

Nico, in Gorilla parli anche di destino. Ma tu ci credi?
«Assolutamente. Tutto arriva al momento giusto, ho aspettato tanto per farmi conoscere dal pubblico e se non ho avuto modo di farlo prima, oggi mi sento in grado di farlo ancora meglio di come avrei mai sognato. Se scrivo un pezzo deve uscire oggi perché è il momento giusto per far conoscere quel lato di me».

La tua ricerca cantautoriale è andata di pari passo con quella strumentale?
«Ho sempre apprezzato la tecnica del chitarrista John Mayer, grazie al quale ho modellato il mio gusto musicale, anche se la mia storia parte dalla batteria, mia grande passione».

Hai iniziato come tecnico di suono e luci, in realtà.
«Prima di cimentarmi nella scrittura ho “allenato l’orecchio” grazie ad una serie di concerti che seguivo grazie a mio padre, pianista. Non mi sono mai accontentato di guardare lo spettacolo, volevo conoscerne ogni singolo aspetto, anche tecnico».

L’insegnamento più grande che ti ha dato tuo padre per coniugare musica e vita?
«Non dimenticare mai lo spirito di squadra, avere qualcuno alle spalle, in studio come sul palcoscenico, in grado di garantire il miglior prodotto possibile, per rispetto del pubblico».

Il tuo rapporto con Milano?
«Mi ha regalato un momento su tutti che ricordo bene ancora oggi: nel novembre del 2015 un Forum di Assago strapieno per Jovanotti mi ha fatto scattare la famosa scintilla. Da quel momento ho capito di voler fare questo nella vita».

In breve

Rossana Casale, Grazia di Michele e Mariella Nava: “Cantautrici” pronte ad incantare l’Arena Milano Est

Il 30 agosto le "Cantautrici", Rossana Casale, Grazia di Michele e Mariella Nava calcheranno il palco dell'Arena Milano Est....

Bollettino regionale, superati i 25.000 casi nella provincia meneghina dall’inizio della pandemia: Milano, +7

Continuano ad aumentare i guariti e dimessi (+208), e in provincia di Lodi e Sondrio non si registrano nuovi casi. Va ricordato inoltre che,...

Rossana Casale, Grazia di Michele e Mariella Nava: “Cantautrici” pronte ad incantare l’Arena Milano Est

Il 30 agosto le "Cantautrici", Rossana Casale, Grazia di Michele e Mariella Nava calcheranno il palco dell'Arena Milano Est. Tre storie artistiche molto differenti...

Milano, in arrivo i prefabbricati per gli studenti: 50 nuovi moduli per “allargare” le scuole

In vista della riapertura delle scuole il prossimo mese, il Comune di Milano ha completato l'acquisto delle strutture necessarie per garantire lo svolgimento delle...

Coronavirus, si va verso la proroga dell’obbligo della mascherina fino al 31 agosto

Secondo le indiscrezioni che giungono dal Governo si va verso il prolungamento dell'obbligo della mascherina nei luoghi pubblici al chiuso fino al 31 agosto....

Potrebbe interessarti