13.8 C
Milano
05. 03. 2021 12:03

Dal Derby d’Italia uscirà l’anti-Milan?

Inter-Juve al Meazza vale la possibilità di restare il più vicine possibile ai rossoneri in vetta

Più letti

Fondo alle speranze: l’Inter diviso tra la vetta del campionato e i nuovi acquirenti

Il fronte è doppio, società e campo. Prima in classifica, l'Inter guarda dall'alto in basso chi insegue in A,...

Madame, un baby fenomeno a Sanremo: «E non ditemi che sono piccola»

La più giovane tra i campioni. La più coraggiosa. Grande personalità, presenza e carisma per Madame: l’esatta rappresentazione di...

La passione di Aiello all’Ariston: «Vi spiego questo sesso ibuprofene»

Dopo un anno di successi, un esordio tanto atteso: c’è il sesso - ma anche una storia d’amore finita...

L’urlo di battaglia lo ha lanciato Conte subito dopo aver passato il turno di Coppa Italia, mercoledì scorso: «Domenica (alle 20.45, ndr) vedremo se e quanto si è ridotto il gap in questi ultimi mesi».

Derby d’Italia. Quel misero punto che a fine campionato, in agosto, ha creato la differenza tra Juventus e Inter nella classifica finale di Serie A non ha ingannato il tecnico nerazzurro. La matematica ha dato ragione ai detentori del titolo già due giornate prima della fine e in entrambi gli scontri diretti la squadra di Conte è uscita sconfitta, mostrando di avere qualche arma in meno in termini di convinzione durante alcuni passaggi chiave delle partite.

derby d'italia
derby d’italia

Domenica sera l’Inter arriverà al derby d’Italia con il conforto di una classifica migliore, 37 punti a 33, anche se a Pirlo manca il recupero della partita con il Napoli. Si scontreranno due creature imperfette, cantieri aperti messi in difficoltà dalla pandemia e dalle piccole e grandi difficoltà dovute a giocatori ancora in cerca di brillantezza e a qualche piccola falla nelle pur ampie rose.

Tante le sfide nelle sfide: l’allievo Pirlo contro il maestro Conte, il fuoriclasse Ronaldo contro il gigante Lukaku, i due fulmini delle fasce Hakimi e Chiesa. Ai bianconeri mancheranno armi importanti, De Ligt e Dybala, nell’Inter va verificata la disponibilità di Sensi dopo l’affaticamento muscolare nel riscaldamento di mercoledì scorso.

Ex ad ogni livello. Ci saranno due grandi ex dalla sponda nerazzurra, non solo Conte in panchina ma anche Vidal in campo (e Marotta dietro la scrivania). Sia l’allenatore che il centrocampista vengono da giorni in cui, tolta la felice parentesi della qualificazione ai quarti di Coppa Italia, hanno dovuto parare i colpi delle critiche susseguenti al pareggio contro la Roma.

Qualche cambio all’Olimpico non ha dato i frutti sperati, mentre proprio il cileno si è divorato un gol nella solitudine dell’area giallorossa. Battere la Juventus può essere una panacea contro campanilismi di piazza dai quali entrambi, complice il passato a forti tinte bianconere, faticano a liberarsi.

 

In breve

Fondo alle speranze: l’Inter diviso tra la vetta del campionato e i nuovi acquirenti

Il fronte è doppio, società e campo. Prima in classifica, l'Inter guarda dall'alto in basso chi insegue in A,...